Il processo per l’incidente mortale dell’autobus sulla E19 a Schoten si aprirà in ottobre

-

Il tribunale di polizia di Anversa esaminerà il 28 ottobre il caso dell’incidente mortale d’autobus avvenuto sull’autostrada E19 a Schoten nell’aprile 2022, d’accordo con tutte le parti, lo ha deciso lunedì durante l’udienza introduttiva.

Il 10 aprile 2022, un autobus turistico ha colpito la barriera di sicurezza in cemento della E19 a Schoten (provincia di Anversa) in direzione dei Paesi Bassi. Il veicolo, con a bordo una trentina di passeggeri, si è poi ribaltato e ha terminato il suo viaggio attraverso l’autostrada. Nell’incidente hanno perso la vita un colombiano di 29 anni e una francese di 17 anni e altri tredici passeggeri sono stati trasportati in ospedale per ferite diverse.

Incidente d’autobus a Schoten: liberata l’autostrada E19, le linee sono ridotte

L’autista, un francese di 37 anni, si era addormentato al volante, secondo le sue dichiarazioni. Il suo test della saliva è risultato positivo e un esame del sangue ha confermato che aveva usato cannabis. L’uomo, già noto in Francia per guida sotto l’effetto di stupefacenti, ha trascorso quasi sei settimane in detenzione preventiva.

L’interessato dovrà rispondere davanti al tribunale di polizia di omicidio colposo, aggressione colposa e percosse, guida sotto l’effetto di stupefacenti e mancato controllo del veicolo. Il trentenne, assente lunedì all’udienza introduttiva, sarà, secondo il suo legale, presente al processo di ottobre.

Una quindicina di vittime provenienti dalla Francia e dal Messico si sono costituite parti civili tramite i loro avvocati. Anche molti avevano fatto il viaggio. Anche la Regione Fiamminga intende intentare una causa civile.

-

PREV Il G7 parla di aiuti all’Ucraina, guerra a Gaza e tensioni con la Cina – Euractiv IT
NEXT Nel pieno della campagna elettorale, Donald Trump invita i minatori di bitcoin nella sua casa di Mar-a-Lago