“Stranieri fuori”, questo canto razzista tedesco che l’estrema destra francese vuole importare – Libération

“Stranieri fuori”, questo canto razzista tedesco che l’estrema destra francese vuole importare – Libération
“Stranieri fuori”, questo canto razzista tedesco che l’estrema destra francese vuole importare – Libération
-

Razzismo

Articolo riservato agli abbonati

I video online di giovani tedeschi che cantano a squarciagola i testi di un ritmo techno sono diventati virali, suscitando la costernazione delle autorità. Un dirigente zemmouriano suggerisce di imitarli.

“Ausländer raus!” (“Stranieri fuori” in francese) scandivano a squarciagola al ritmo di un vecchio successo techno: in Germania, le immagini di persone anonime che ripetono questo coro razzista nelle discoteche, nei festival o nelle feste, stanno suscitando scandalo. . In Francia vengono diffusi online da influencer della sfera fascista e sono di gran moda tra gli attivisti di estrema destra, alcuni dei quali cercano addirittura di importarne una versione francese.

Alcune note sintetiche ripetitive, una drum machine e testi: la canzone del DJ italiano Gigi D’Agostino, ama sempre, pubblicato nel 2000 e diventato rapidamente un successo globale, di cui queste persone sono entusiaste è inizialmente un titolo con testi piuttosto carini. Ma il suo ritornello, deviato, divenne “Deutschland den Deutschen, Ausländer raus»O : “La Germania per i tedeschi, fuori gli stranieri”. Una canzone che permette all’estrema destra tedesca di gridare il proprio desiderio di deportare le popolazioni straniere, nonostante il paese sia stato teatro di numerosi scandali razzisti negli ultimi mesi.

“Slogan disgustosi”

Online si riversano video che mostrano i partecipanti alla festa che ripetono questa versione. Qui ad un carnevale nel Nord Reno-Westfalia (ovest del paese), là ad una festa al Centro di studi sull’amministrazione finanziaria

-

PREV almeno dodici morti, macellazione di bestiame
NEXT LIVE – Elezioni legislative: “Dobbiamo votare in modo responsabile”, dice Emmanuel Macron