Francia – Mondo – Una delegazione del Congresso americano a Taiwan per esprimere il suo sostegno contro l'”aggressione” cinese

-

La foto fornita dalla presidenza taiwanese mostra il presidente Lai Ching-te (a destra) che indossa un cappello donato dal rappresentante degli Stati Uniti Michael McCaul (a sinistra), nel palazzo presidenziale di Taipei, il 27 maggio 2024

FOTO AFP / Dispensa

Michael McCaul, rappresentante repubblicano e presidente della commissione per gli affari esteri della Camera, ha dichiarato lunedì durante un incontro con il presidente Lai Ching-te che lui e i suoi colleghi forniscono “un sostegno incrollabile a questa bellissima isola”.

Il parlamentare è arrivato domenica a Taiwan, accompagnato da una delegazione composta sia da democratici che da repubblicani, e secondo lui il sostegno del Congresso americano all’isola si basa su “base bipartisan”.

La settimana scorsa, la Cina ha organizzato manovre militari su larga scala attorno a Taiwan, tre giorni dopo il discorso di insediamento di Lai Ching-te, percepito dalla Cina come una “ammissione dell’indipendenza” dell’isola.

La Cina considera Taiwan una delle sue province, che non è ancora riuscita a riunificare con il suo territorio dopo la fine della guerra civile e l’avvento al potere dei comunisti nel 1949.

McCaul ha condannato queste “esercitazioni militari minacciose”, affermando che dimostrano che la Cina “non era interessata a conquistare Taiwan con mezzi pacifici”.

“Tutte le democrazie devono unirsi contro l’aggressione e la tirannia. Che si tratti di Putin in Russia, dell’Ayatollah in Iran o del Presidente Xi, il nostro vicino in Cina, un’alleanza empia sta erodendo la pace nel mondo”, ha dichiarato al signor Lai.

Lai Ching-te ha ringraziato la delegazione per il suo sostegno, sperando che il Congresso “continuerà ad assistere Taiwan nel rafforzare le sue capacità di autodifesa”.

“Avvierò le riforme e sosterrò la difesa nazionale, per mostrare al mondo la determinazione del popolo taiwanese nel difendere la propria patria”, ha affermato il presidente taiwanese.

La foto fornita dalla presidenza taiwanese mostra il presidente Lai Ching-te (a destra) mentre parla al rappresentante degli Stati Uniti Michael McCaul (a sinistra), nel palazzo presidenziale di Taipei il 27 maggio 2024 FOTO AFP / Dispensa

Gli Stati Uniti, che hanno concesso il riconoscimento diplomatico alla Repubblica popolare cinese nel 1979 a scapito di Taiwan, rimangono tuttavia l’alleato più potente dell’isola e il suo principale fornitore di armi.

Alla fine di aprile il Congresso americano ha adottato un pacchetto di aiuti militari di 8 miliardi di dollari a favore di Taiwan. Il giorno successivo la Cina ha avvertito che questo sostegno militare non fa altro che aumentare il “rischio di conflitto”.

Lunedì Pechino ha espresso la sua opposizione al viaggio della delegazione parlamentare americana a Taiwan e “adotterà le misure necessarie per difendere risolutamente la sovranità nazionale e l’integrità territoriale”, ha detto Mao Ning, portavoce del ministero degli Esteri cinese.

“La Cina si oppone fermamente a qualsiasi contatto militare tra gli Stati Uniti e Taiwan e all’armamento di Taiwan e invita i parlamentari interessati a smettere di sostenere e compiacere le forze separatiste indipendentiste”, ha aggiunto.

– “Ambiguità strategica” –

Interrogato lunedì sulla velocità con cui gli Stati Uniti stanno fornendo sostegno militare a Taiwan, Michael McCaul ha ammesso di sperare che “sarà più veloce”.

Secondo lui, Xi Jinping “ha ambizioni audaci e aggressive, e dobbiamo semplicemente mettere tutto in atto in modo che capisca che il rischio supera il beneficio”.

La foto fornita dalla presidenza taiwanese mostra il presidente Lai Ching-te (a destra) che indossa un cappello donato dal rappresentante degli Stati Uniti Michael McCaul (a sinistra), nel palazzo presidenziale di Taipei il 27 maggio 2024 FOTO AFP / Dispensa

“La chiave è garantire che Taiwan disponga delle armi necessarie alla deterrenza, in modo che quando il signor Xi (Jinping) guarderà a questo calcolo, non gli sembrerà vantaggioso”, ha aggiunto.

Washington ha storicamente mantenuto una politica di “ambiguità strategica” riguardo al possibile intervento militare americano se Taiwan fosse attaccata dalla Cina.

Lo stesso presidente americano Joe Biden ha dichiarato di non essere favorevole all’indipendenza di Taiwan, ma di essere pronto a difendere militarmente l’isola se necessario.

-

PREV Rune si è lanciato bene contro Zverev dopo la vittoria del quinto set di Djokovic, a seguire gli ottavi di finale
NEXT Quattro ostaggi israeliani morti a Gaza