Richard Gasquet, dopo la vittoria contro Borna Coric al Roland-Garros: “È stato bellissimo”

Richard Gasquet, dopo la vittoria contro Borna Coric al Roland-Garros: “È stato bellissimo”
Richard Gasquet, dopo la vittoria contro Borna Coric al Roland-Garros: “È stato bellissimo”
-

“Sei finito sdraiato sulla schiena dopo l’ultimo passaggio vincente di rovescio che ti ha dato la partita…
È stato un grande sollievo in quel momento. Se non vinco il terzo set, potremo iniziare un’altra battaglia. È andato a rete con il mio tiro migliore (il contrario)…Non dico che fossi felice di vederlo salire sul mio rovescio, ma è comunque un tiro che mi riesce spesso. È un’occasione per riuscire in questo passaggio. Se non lo faccio, può diventare difficile.

Cosa ricordi di questa partita?
Nel complesso ho gestito bene i momenti complicati. Sono riuscito ad andare avanti ogni volta che dovevo. I primi due tie-break sono stati molto importanti, e poi anche questo tie-break nel terzo (era sotto 3-2, servizio Coric). Ho gestito bene la partita. Sapevo quando premere. È un po’ l’abbinamento perfetto per me.

Che ruolo ha avuto il pubblico?
Questo cortometraggio è favoloso, il pubblico è vicino, ti trasporta, ti galvanizza. Le persone mettono pressione sull’avversario e questo finisce per colpire il loro sistema. Dall’inizio della partita sono lì e sono sempre dietro di te. Ti dà energia ogni volta che ne hai bisogno. Questo per me è fondamentale in una partita fisica e lunga. E ha dieci anni meno di me (27 anni) Comunque. Sono riuscito a conquistare tutti i punti importanti di cui avevo bisogno per vincere. È stato bellissimo.

“Rifare l’allenamento fisico a fine anno mi ha aiutato molto”

Hai parlato in campo di uno dei momenti più belli della tua carriera.
È un momento bellissimo, uno dei migliori della mia carriera, sì… ho quasi 38 anni. So che tutte le partite sono dure ma mi alleno, faccio di tutto per avanzare, sono serio. È una vittoria molto bella per me. Gioco per vivere momenti del genere. Non è da tutti giocare questo tipo di torneo su questo tipo di campo. Sto cercando di rimandare il momento in cui mi fermerò. E poi gioco contro ragazzi giovani e questo è una soddisfazione.

Mercoledì probabilmente affronterai Jannik Sinner (l’italiano giocherà lunedì contro l’Eubanks nel primo turno) sul campo del Philippe-Chatrier.
È il favorito. Ma l’anno scorso l’ho giocata due volte e ho avuto due belle partite. Lui è più forte di me ma sarà una festa favolosa. Ha una qualità di palla enorme su entrambi i lati, dritto e rovescio, si muove. Corre veloce. Ha una tecnica perfetta. Se metti la palla in mezzo non la vedi più.

Hai dimostrato una resistenza fisica sorprendente. Come ti sei sentito ?
Ho lavorato bene fisicamente per diversi mesi. E poi ho alle spalle una trentina di partite, partite toste, a Roma, ad Aix-en-Provence. Anche questo aiuta. Riesco a tenere Roland molto meglio rispetto allo scorso anno o due anni fa. Mi sento più leggero. Fare nuovamente allenamento fisico alla fine dello scorso anno mi ha aiutato molto. Ho corso bene e ho tenuto bene. È una bella sorpresa per me vincere dopo 3h30 sulla terra battuta. »

-

PREV Ahmed Laaouej: “Georges-Louis Bouchez chiede a tutti di camminare fischiando”
NEXT Frederik Sioen si trasferisce al parlamento fiammingo