Gaza: Israele “intende rilanciare” i negoziati

Gaza: Israele “intende rilanciare” i negoziati
Gaza: Israele “intende rilanciare” i negoziati
-

Israele “intende rilanciare” i negoziati

Pubblicato oggi alle 15:29 Aggiornato 2 minuti fa

A questo punto troverai ulteriori contenuti esterni. Se accetti che i cookie vengano inseriti da fornitori esterni e che i dati personali vengano quindi trasmessi loro, devi consentire tutti i cookie e visualizzare direttamente i contenuti esterni.

Consenti i cookiePiù informazioni

Sabato un funzionario israeliano ha detto all’AFP che Israele “intende” rilanciare i negoziati questa settimana per ottenere il rilascio degli ostaggi detenuti nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre.

“C’è l’intenzione di riprendere le discussioni questa settimana” e “c’è un accordo” su questo punto, ha detto questo funzionario all’AFP in condizione di anonimato, poiché la settimana in Israele inizia domenica.

Questo funzionario non ha fornito ulteriori dettagli sull’accordo, ma i media israeliani riferiscono che il capo del Mossad – il servizio di intelligence israeliano -, David Barnea, ha raggiunto un accordo con il direttore della CIA, Bill Burns, e il primo ministro del Qatar Mohammed bin Abdelrahmane. Al-Thani durante un incontro a Parigi su un nuovo quadro per i negoziati.

All’inizio di maggio, i colloqui indiretti tra Israele e il movimento islamico palestinese Hamas, attraverso il Qatar, l’Egitto e gli Stati Uniti, non hanno portato ad un accordo di tregua associato al rilascio degli ostaggi e dei prigionieri palestinesi detenuti da Israele.

Venerdì il presidente francese Emmanuel Macron ha ricevuto il primo ministro del Qatar e i ministri degli Esteri saudita, egiziano e giordano.

La guerra nella Striscia di Gaza è iniziata il 7 ottobre dopo l’attacco sul suolo israeliano da parte di commando di Hamas infiltrati da Gaza, che ha provocato la morte di oltre 1.170 persone, in maggioranza civili, secondo un conteggio dell’AFP effettuato su dati ufficiali israeliani.

Quel giorno furono prese in ostaggio nel territorio palestinese anche 252 persone. Dopo una tregua nel mese di novembre che ha permesso il rilascio di un centinaio di persone, a Gaza sono ancora detenuti 121 ostaggi, di cui 37 morti, secondo l’esercito.

In risposta, l’esercito israeliano ha lanciato un’offensiva devastante nei territori palestinesi, che ha provocato almeno 35.903 morti, in maggioranza civili, secondo il Ministero della Salute di Hamas, movimento considerato terrorista da Israele, Stati Uniti e Unione Europea in particolare .

AFP

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

1 Commento

-

PREV le risposte al test di filosofia
NEXT Euro 2024: operazione, presenza nelle prossime partite, cosa sappiamo del naso rotto di Kylian Mbappé