PRODOTTI MINERARI – Esportati formalmente 3,5 chili di oro

PRODOTTI MINERARI – Esportati formalmente 3,5 chili di oro
PRODOTTI MINERARI – Esportati formalmente 3,5 chili di oro
-
La conferenza si è tenuta presso il Grand Amphi EGS di Ankatso, alla presenza del Ministro delle Miniere, dei dirigenti della Banca Centrale e dell’amministrazione mineraria.

Finora sono stati formalmente esportati dalla Big Island 3,5 chili di oro. Queste cifre mostrano che il Paese è ancora lontano dai cinquecento chili da esportare entro la fine dei primi cento giorni di questo secondo mandato.

Secondo le statistiche dell’Agenzia nazionale per l’industria dell’oro (Anor), la Big Island avrebbe finora esportato tre chili e mezzo d’oro nel 2024. Queste cifre sono ancora lontane dalle aspirazioni stabilite nei primi cento giorni di questo secondo mandato. Lo Stato, infatti, si era fissato un termine di cento giorni dall’inizio del mandato per esportare cinquecento chili di questo metallo prezioso.

Attualmente, il valore di queste prime esportazioni formali ammonta a 978.215.960 milioni di ariary. Il tasso di rimpatrio valutario, dal canto suo, è del 99,98%. I dati sulle esportazioni di oro del paese, visualizzati su una tabella statistica, sono eloquenti, soprattutto per quanto riguarda il rimpatrio delle valute, che è passato da quasi zero a quasi totale nel 2024. Tuttavia, il paese sembra ancora lontano dal traguardo. Questi dati sono stati menzionati giovedì, durante la conferenza tenuta dal Ministero delle Miniere e dalla Banca Centrale del Madagascar presso la Facoltà di Economia, Management e Sociologia (EGS) di Ankatso. Questa conferenza, che aveva per tema “La diversificazione delle riserve valutarie attraverso l’acquisizione di oro monetario”, è stata l’occasione per le autorità interessate di sollevare il velo sul settore dell’oro, sulle sue potenzialità, ma anche sulla sfida di istituire un sistema di oro monetario Riserva.

A marzo gli esportatori autorizzati avevano già sollevato i problemi che stavano affrontando, in particolare con i minatori d’oro. “I prezzi di base dell’oro sono significativamente più alti del prezzo al quale viene venduto sul mercato internazionale. Ciò è dovuto agli operatori illegali che raccolgono anche dai minatori d’oro”, ha confidato un esportatore autorizzato.

Scadenza

Nella maggior parte delle cave, il prezzo di un grammo d’oro supera i trecentomila ariary. All’epoca, il Presidente della Repubblica concesse anche un termine di due mesi agli esportatori per rispettare l’accordo firmato con lo Stato. Pertanto, ogni esportatore doveva poter esportare almeno il 15% del peso totale impegnato e rimpatriare le relative valute, pena il ritiro della licenza commerciale. Il paese ha più di quattrocento comuni produttori di oro. La Big Island possiede anche diversi giacimenti, tra cui Dabolava, Betsiaka, Mananjary e Maevatanàna.

Itamara Randriamamonjy

-

PREV questo medico che l’ha salvata dalla morte quando pesava solo 32 chili
NEXT L’infermiera assassina di bambini nega un altro tentativo di omicidio