LAUDUN-L’ARDOISE Una mostra e una giornata dedicata al pittore Albert André

-

L’associazione Amici di Albert André propone presso lo spazio Barbara di Laudun-l’Ardoise una mostra evento sul pittore Albert André, inaugurando questo sabato una giornata dedicata al pittore e alla sua epoca.

Una mostra divisa in due parti: una sala dedicata alla casa del pittore, che si trova poco distante, rue de Boulogne a Laudun, e una seconda sala dedicata alle rose e alla loro onnipresenza nei numerosi bouquet dipinti da Albert André. La casa innanzitutto, che quest’anno festeggia il suo 160° anniversario. Costruita dal padre di Albert André, che gliela lasciò in eredità, la sua storia è ripercorsa da una serie di pannelli e mobili della casa.

Si ripercorre la storia della casa del pittore • Foto: Thierry Allard

I modelli di carta, che ricreano alcune delle sue stanze, sono stati realizzati dall’artista Jean-Noël Criton, che ha anche realizzato un cartone animato sulla casa dell’epoca della figlia adottiva del pittore, Jacqueline Bret-André, di cui è esposto uno dei dipinti . Jean-Noël Criton ha realizzato anche un “pop-up” per bambini, nonché le illustrazioni per il libretto dei giochi regalato ai bambini che visitano la mostra. E ci sarà, da allora “tutti i bambini che frequentano le scuole del paese verranno a vedere la mostra con i loro insegnanti”sottolinea il presidente degli Amici di Albert André Élian Cellier.

Jean-Noël Criton ha riprodotto le stanze della casa del pittore • Foto: Thierry Allard

Per quanto riguarda le rose, questo aspetto del lavoro di Albert André viene fatto risalire alle sue origini a Lione, all’epoca in cui la città era la capitale delle rose. Il pittore, il cui padre lavorava nell’industria della seta, iniziò disegnando rose destinate ad apparire come motivi sulle sete, come suo fratello Émile. Ma mentre suo fratello continuerà la sua carriera artistica seguendo questi motivi, Albert André decide di andare a Parigi per diventare pittore. Tuttavia, le rose saranno sempre lì. “Sono presenti in molti dei suoi bouquet, fino all’ultimo dipinto che dipinse prima della sua morte nel 1954, un bouquet con rose”, presenta Élian Cellier. Per illustrare questo filo conduttore, l’associazione ha riprodotto tavole tratte da foto, con l’autorizzazione del Dipartimentale di Conservazione.

Le rose sono il filo conduttore dell’opera di Albert André, fino al suo ultimo dipinto • Foto: Thierry Allard

Albert André iniziò a disegnare rose per creare motivi in ​​seta • Foto: Thierry Allard

Inaugurata venerdì sera in occasione del compleanno di Albert André, la mostra rimarrà all’Espace Barbara fino al 2 giugno, prima di partire per la scuola Slate. È stato inaugurato anche alla vigilia di una grande celebrazione questo sabato, “Ai tempi di Albert André”, una giornata destinata a tornare indietro nel tempo dal 1869 al 1954, dalla nascita alla morte del pittore. Un percorso in una decina di luoghi di Laudun, dal municipio alla casa del pittore, è scandito da attività: mostre, ricostituzione di una classe degli anni ’50, merceria d’altri tempi, automobili d’epoca, lavandaie e anche attività e laboratori per bambini. il programma di questo sabato.

Maggiori informazioni qua.

-

PREV La Festa dei Cittadini è stata apprezzata da tutti
NEXT “Il re delle truffe” Marco Mouly in custodia di polizia, sospettato di aver orchestrato la sua insolvenza