ecco il prezzo medio di un mazzo di fiori nelle grandi città

ecco il prezzo medio di un mazzo di fiori nelle grandi città
ecco il prezzo medio di un mazzo di fiori nelle grandi città
-

Come ogni anno, molti francesi pensano di offrire un mazzo di fiori in occasione della festa della mamma. Ma chi sono i maggiori acquirenti e qual è il prezzo medio a seconda della città? RMC Conso fa il punto.

Un regalo ancora popolare. Uno studio realizzato da OpinionWay per Florajet ci dice che i francesi acquistano ancora tanti fiori in occasione della festa della mamma, di cui questa domenica si celebra la 118esima edizione. E anche se il prezzo esatto varia da una città all’altra, un mazzo si aggira intorno ai quaranta euro.

Il 48% dei francesi prevede di offrire fiori

Innanzitutto, lo studio realizzato da OpinionWay ci dice che su 1.000 persone intervistate, 480 intendono acquistare fiori per questa festività. Ciò rappresenta il 48% dei francesi.

Gli uomini sono i principali consumatori di mazzi di fiori, poiché il 53% di loro intende offrirli questa domenica. Da parte loro, il 47% delle donne si rivolge a questo tipo di regalo.

I fiori non sono una questione generazionale perché tutte le fasce d’età intendono offrirli: il 59% degli under 50 e il 61% degli under 35. I giovani tra i 18 ei 24 anni mostrano un “notevole entusiasmo per questa tradizione”, visto che il 60% di loro ha intenzione di acquistare un mazzo di fiori.

43 euro in media

A livello nazionale, gli acquirenti dovranno pagare in media 43 euro per ricevere un bouquet per la Festa della Mamma.

Nel dettaglio, è a Lille (Nord), Nantes (Loira Atlantica) e Bordeaux (Gironda) che il bouquet medio costa meno, con 42 euro. Dovrai spendere 43 euro a Tolosa (Alta Garonna) e Rennes (Ille-et-Vilaine), 44 euro a Lione (Rodano) e Marsiglia (Bocche del Rodano). È a Strasburgo (Basso Reno) e Parigi che il prezzo di quest’ultimo è il più alto, con 45 e 46 euro.

“Il potere d’acquisto della capitale è sempre stato superiore a quello di altre regioni in termini di ordini floreali”, confida Virginie Lefrancq, direttrice generale di Florajet.

Un budget floreale piuttosto stabile

Quest’anno, l’80% dei francesi che hanno già regalato fiori nel 2023 e che intendono regalarli nuovamente questa domenica destinano lo stesso budget.

Mentre il 12% degli acquirenti sta riducendo il budget destinato ai fiori, l’8% prevede di aumentarlo. Inoltre, lo studio dimostra chiaramente che il potere d’acquisto non ha quasi alcuna influenza sulla decisione di offrire fiori per la festa della mamma.

Infatti, solo il 10% delle persone che non desiderano regalare fiori quest’anno citano quest’ultimo come motivo di rinuncia.

Quasi il 73% dei francesi intervistati è preoccupato per l’origine dei fiori e il 79% dei loro stagionalità. Ma il 50% degli interessati ai fiori di stagione li acquista solo se non sono più costosi dei fiori fuori stagione. Quando si tratta di fiori locali, il 38% dei clienti è disposto a pagare di più, ma il 35% rinuncerà se il costo è superiore rispetto ai fiori provenienti da un altro paese.

Nel complesso, 8 acquirenti su 10 affermano di tenere conto dell’origine o della stagionalità dei fiori nelle loro scelte. Il 70% afferma addirittura di utilizzarli come criterio determinante nella decisione di acquisto. Questa tendenza è ancora più marcata tra gli under 35, dove l’80% considera entrambi gli aspetti nella propria scelta.

-

PREV Lo studio mostra che le pompe di calore sono più economiche delle caldaie a gas dopo 10-16 anni
NEXT Fiamma olimpica a Nizza: segui la staffetta in diretta nelle Alpi Marittime