Case spaccate: 20 milioni di francesi colpiti, verso un’esplosione entro il 2050 – 24/05/2024 alle 15:17

Case spaccate: 20 milioni di francesi colpiti, verso un’esplosione entro il 2050 – 24/05/2024 alle 15:17
Case spaccate: 20 milioni di francesi colpiti, verso un’esplosione entro il 2050 – 24/05/2024 alle 15:17
-

Le richieste di crack sono aumentate a causa del riscaldamento globale. (illustrazione) (Michael Krause / Pixabay)

Secondo un recente studio dell’associazione Conséquences, il 92,8% delle case francesi rischia di presentare crepe nel 2050 a causa del fenomeno del ritiro-rigonfiamento delle argille. I costi di questi disastri dovrebbero quindi aumentare vertiginosamente.

Le conseguenze dannose del cambiamento climatico sono in aumento. Ultimo esempio: l’aumento del fenomeno del ritiro-rigonfiamento delle argille (RGA), causato dall’alternarsi di episodi di precipitazioni e di intensi periodi di siccità, che provoca lo spostamento delle fondamenta delle abitazioni e quindi la generazione di crepe nei muri. Pubblicato giovedì 23 maggio 2024, un rapporto dell’associazione Conséquences, specializzata sugli impatti dei cambiamenti climatici, lancia l’allarme.

Secondo l’associazione, circa 20 milioni di francesi sono già esposti al rischio di ritiro-rigonfiamento delle argille.

“medio-forte”

. Tra le regioni più esposte troviamo Centro-Val-de-Loire (67% della popolazione regionale), Occitania (49%), Nouvelle-Aquitaine (46,8%), Borgogna-Franca Contea (44%) e Provenza. -Alpi-Costa Azzurra (39%).

Un costo considerevole

Dal 1989, anno in cui questo fenomeno è stato preso in considerazione nel regime delle catastrofi naturali, sono stati riconosciuti 46.694 sinistri per “casa distrutta”. Il loro numero è aumentato del 145% tra i periodi 1989-2005 e 2006-2022. Un’esplosione che arriva addirittura al 564% per il Grand Est, al 314% per la Borgogna-Franca Contea e al 234% per l’Alvernia-Rodano-Alpi.

La situazione non dovrebbe migliorare nei prossimi anni, anzi. Se le emissioni di gas serra seguissero la traiettoria attuale e l’aumento della temperatura raggiungesse il +2,7% nel 2050, l’associazione stima che 16,2 milioni di case si troveranno esposte al rischio di RGA

“medio-forte”

, ovvero circa il 92,8% della flotta francese. Il costo annuo dei sinistri supererebbe quindi i 2 miliardi di euro, rispetto ai 726 milioni di euro attuali.

Un’applicazione per valutare i rischi

Le conseguenze qualificano questa situazione preoccupante come

“bomba sociale”

ricordandolo

“Le controversie tra vittime, comuni e assicuratori sono frequenti e generano incomprensione, frustrazione e rabbia”

.

“I conflitti sono spesso legati al mancato ottenimento dello status di calamità naturale da parte dei comuni, o a discrepanze nell’analisi dei fattori determinanti da parte dell’esperto assicurativo o dell’assicuratore”

spiega la relazione.

In collaborazione con la start-up francese Callendar, specializzata nella valutazione del rischio climatico, l’associazione ha sviluppato un’applicazione che consente di valutare il rischio di esposizione della propria casa alla RGA. Denominato RGA Home Climate Risk, tiene conto della natura del suolo, della struttura dell’edificio e dei rischi climatici (come la siccità), attuali e futuri. Inoltre indirizza i proprietari verso soluzioni per le loro procedure.

-

PREV Almeno 645 morti alla Mecca a causa del caldo
NEXT matematica, HGGSP, HLP… Trova le materie dei test di specialità