John Ardill, vicepresidente ExxonMobil: “L’Algeria è una destinazione attraente per gli investimenti nel settore del petrolio e del gas”

John Ardill, vicepresidente ExxonMobil: “L’Algeria è una destinazione attraente per gli investimenti nel settore del petrolio e del gas”
John Ardill, vicepresidente ExxonMobil: “L’Algeria è una destinazione attraente per gli investimenti nel settore del petrolio e del gas”
-

– Annuncio –

Il vicepresidente responsabile dell’esplorazione e delle nuove opportunità della società americana ExxonMobil, John Ardill, ha dichiarato giovedì ad Algeri che “l’Algeria costituisce una destinazione attraente per gli investimenti nel settore del petrolio e del gas”.

John Ardill è intervenuto in occasione della cerimonia di firma del memorandum d’intesa tra Sonatrach ed ExxonMobil, avvenuta presso la sede della direzione generale del Gruppo.

A questo proposito, il vicepresidente di ExxonMobil ha sottolineato che “il memorandum d’intesa firmato dopo oltre due (2) anni di preparazione e consultazione tra le due parti, costituisce un primo passo importante nella creazione di una partnership che contribuirà a sbloccare ulteriormente il potenziale di sviluppo delle risorse energetiche dell’Algeria”.

Ardill ha inoltre elogiato il “ruolo storico dell’Algeria nel campo dello sviluppo e della commercializzazione degli idrocarburi”, sottolineando il ruolo di Sonatrach come azienda pioniera nell’esportazione di gas naturale liquefatto (GNL) in tutto il mondo dal 1964.

Dopo aver presentato l’esperienza, la competenza e le capacità tecnologiche di ExxonMobil nello sviluppo di idrocarburi, Ardill ha sottolineato che la firma di questo protocollo “stabilisce le basi e il quadro appropriato per una solida partnership tra due parti per sbloccare il potenziale di idrocarburi in Algeria, che costituisce un interessante destinazione di investimenti nel settore petrolifero e del gas.

Il funzionario ha affermato l’impegno della ExxonMobil a “lavorare insieme a Sonatrach per trasferire competenze e contribuire a rafforzare la posizione dell’Algeria come potenza energetica globale”.

Protocollo d’intesa “storico”.

Da parte sua, l’amministratore delegato del gruppo Sonatrach, Rachid Hachichi, ritiene che il memorandum d’intesa firmato tra Sonatrach e la compagnia americana mondiale di petrolio e gas “ExxonMobil” sia “storico e dovrebbe consentire di sviluppare una cooperazione reciprocamente vantaggiosa lungo tutta la catena del valore dell’industria degli idrocarburi in Algeria.

Nel suo discorso, Hachichi ha considerato che “la firma di questo storico protocollo con il nostro partner ExxonMobil, con l’obiettivo di sviluppare una cooperazione reciprocamente vantaggiosa lungo tutta la catena del valore dell’industria degli idrocarburi in Algeria, in particolare nei settori dell’esplorazione e della produzione, consentire di compiere un grande passo in termini di recupero e valorizzazione delle nostre risorse energetiche, che consentirà al nostro Paese di avviare una nuova fase di sviluppo sostenibile.

Per Hachichi, questo memorandum d’intesa “non costituisce solo il desiderio comune di sviluppare una partnership seria e privilegiata, ma mira anche a realizzare una visione comune tra Sonatrach ed ExxonMobil, che consentirà ad entrambe le parti di esaminare modi e mezzi per sfruttare l’enorme potenziale delle risorse energetiche in Algeria.

Sonatrach mira, attraverso questa “win-win partnership”, a beneficiare dell’esperienza pionieristica dell’azienda americana e delle sue capacità tecnologiche nel campo del petrolio e del gas, ha aggiunto l’amministratore delegato.

“partenariato vantaggioso per tutti”

La firma di questo protocollo rientra nella visione adottata per lo sviluppo dell’industria energetica, ha affermato, apprezzando allo stesso tempo “l’interesse mostrato dalla società americana ExxonMobil per gli ‘investimenti in Algeria’.

A questo proposito, Hachichi ha sottolineato che la decisione della società americana di firmare questo protocollo “testimonia la sua esplorazione del grande potenziale del settore minerario algerino e riflette la fiducia di cui gode Sonatrach come partner affidabile in grado di sviluppare una partnership benefico e fruttuoso”.

Inoltre, ha ribadito “la determinazione dell’Algeria, sotto la guida del Presidente della Repubblica, Sig. Abdelmadjid Tebboune, ad intensificare i programmi di investimento e ad avvalersi di partenariati vantaggiosi, al fine di rafforzare ulteriormente i tassi di crescita economica e diversificare l’economia con un vista del raggiungimento della prosperità sociale.

Da parte sua, il vicepresidente dell’amministratore delegato di Sonatrach e responsabile dello sviluppo aziendale e del marketing, Ferhat Ounoughi, ha rivelato che la conclusione di questo memorandum d’intesa con l’azienda americana è il frutto degli sforzi compiuti da entrambe le parti per aumentare sfide e identificare opportunità future per raggiungere obiettivi comuni nel campo degli idrocarburi, dichiarandosi ottimista riguardo al raggiungimento di “un grande successo nel quadro di una solida partnership tra Sonatrach ed ExxonMobil”.

Si ricorda che il Memorandum of Understanding sottoscritto da Sonatrach ed ExxonMobil consentirà ai partner di esaminare le opportunità disponibili in vista dello sviluppo delle risorse di idrocarburi nei bacini di Ahnet e nel bacino di Gourara, “puntando sull’eccellenza operativa, sull’innovazione tecnologica, sul rispetto delle l’ambiente e le migliori pratiche di sostenibilità.

-

PREV La Francia è nei Paesi Bassi in Ticker e TV
NEXT perché la fascia di Memphis Depay scatena gli olandesi