Secondo Kiev, le forze russe “sono impantanate in combattimenti di strada” a Vovchansk

Secondo Kiev, le forze russe “sono impantanate in combattimenti di strada” a Vovchansk
Secondo Kiev, le forze russe “sono impantanate in combattimenti di strada” a Vovchansk
-

Due anni dopo l’inizio della guerra su larga scala, la dinamica del sostegno occidentale a Kiev sta perdendo slancio: i nuovi aiuti stanziati sono diminuiti nel periodo compreso tra agosto 2023 e gennaio 2024 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, secondo l’ultimo rapporto del Kiel Institute, pubblicato nel febbraio 2024. E questa tendenza potrebbe continuare, con il Senato americano che fatica a approvare gli aiuti, e l’Unione Europea (UE) che ha avuto ogni difficoltà a far adottare un aiuto di 50 miliardi il 1ehm Febbraio 2024, a causa del blocco ungherese. Si prega di notare che questi due pacchetti di aiuti non sono ancora presi in considerazione nell’ultima valutazione effettuata dal Kiel Institute, che terminerà a gennaio 2024.

I dati dell’istituto tedesco mostrano che il numero dei donatori sta diminuendo e si concentra attorno ad un nucleo di paesi: Stati Uniti, Germania, paesi dell’Europa settentrionale e orientale, che promettono sia elevati aiuti finanziari che armamenti avanzati. In totale, da febbraio 2022, i paesi che sostengono Kiev hanno impegnato almeno 276 miliardi di euro a livello militare, finanziario o umanitario.

In termini assoluti, i paesi più ricchi sono stati i più generosi. Gli Stati Uniti sono di gran lunga i principali donatori, con oltre 75 miliardi di euro di aiuti annunciati, di cui 46,3 miliardi in aiuti militari. I paesi dell’Unione Europea hanno annunciato sia aiuti bilaterali (64,86 miliardi di euro) sia aiuti congiunti provenienti dai fondi dell’Unione Europea (93,25 miliardi di euro), per un totale di 158,1 miliardi di euro.

Quando questi contributi vengono confrontati con il prodotto interno lordo (PIL) di ciascun paese donatore, la classifica cambia. Gli Stati Uniti sono scesi al ventesimo posto (0,32% del PIL), ben dietro ai paesi confinanti con l’Ucraina o alle ex repubbliche sovietiche amiche. L’Estonia è in testa agli aiuti in rapporto al Pil con il 3,55%, seguita da Danimarca (2,41%) e Norvegia (1,72%). Il resto della top 5 è ​​completato da Lituania (1,54%) e Lettonia (1,15%). I tre Stati baltici, che confinano tutti con la Russia o con la sua alleata Bielorussia, sono stati tra i donatori più generosi dall’inizio del conflitto.

Nella classifica della percentuale del Pil, la Francia è ventisettesima, essendosi impegnata con lo 0,07% del suo Pil, subito dietro alla Grecia (0,09%). Gli aiuti forniti da Parigi sono in costante calo dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina: la Francia era ventiquattresima nell’aprile 2023 e tredicesima nell’estate del 2022.

-

PREV L’Intelligent in PDF: ieri il suo cliente è stato scagionato e scagionato dai tribunali – Avvocato Me Bédi Perfect Donald: “Baddredine Abbas non ha nulla a che fare con questa storia del passaporto falso”
NEXT Trump a Washington per un’operazione di seduzione