Calcio – Capocannoniere in P4A, Del Conte ha ritrovato una seconda giovinezza: “Quest’anno mi sono divertito moltissimo”

Calcio – Capocannoniere in P4A, Del Conte ha ritrovato una seconda giovinezza: “Quest’anno mi sono divertito moltissimo”
Calcio – Capocannoniere in P4A, Del Conte ha ritrovato una seconda giovinezza: “Quest’anno mi sono divertito moltissimo”
-

Ricordare chi è Angelo Del Conte sarebbe un insulto a tutti e, soprattutto, a lui. Vittima del suo successo e soprattutto dei suoi quarantasei gol in questa stagione, l’attaccante marchinois decifra quest’anno pieno di positività che lo ha visto vincere l’incoronazione collettiva con la sua squadra così come la ricompensa personale di finire capocannoniere in questa P4A.

Angelo, raggiungere un punteggio del genere, pur superando quello di Jean Sauvage lo scorso anno, sembra quasi surreale.

Non ci credo nemmeno io. È chiaro che non mi aspettavo di registrarne così tanti, soprattutto alla mia età. Piantare venticinque o anche trenta gol era plausibile, ma certamente non così tanti come effettivamente sono accaduti.

Come spieghi questo successo?

Mi è davvero piaciuto quest’anno. L’allenatore (NdR: Jean-François Nossin) mi ha dato una tale fiducia che non potevo che ricambiarla. Le condizioni erano mature per una stagione del genere. Inoltre, ho avuto la fortuna di non subire infortuni gravi o problemi fisici. Questo mi ha permesso di essere disponibile molto di più rispetto agli ultimi esercizi dove avevo qualche difficoltà a trovare il ritmo. Ci sono anche i palloncini ricevuti che mi hanno cresciuto. Avere compagni di squadra così non è cosa da tutti e non posso che ringraziarli. Sono stato anche molto coerente e fortunato. Ho avuto molto successo. Laddove pensavo di perdere molte più occasioni, le ho messe dietro. Non mi aspettavo assolutamente di avere un campionato così vincente. Essere ben circondato mi ha aiutato enormemente.

Hai contribuito in parte al risultato finale della tua squadra, quali sono le tue sensazioni a riguardo?

Il mister ci ha rimesso i piedi per terra quando necessario e ci ha dato le carte per superarci. Ho ritrovato anche la giovinezza, ma non la velocità (ride). Che gioia regala questo titolo e che entusiasmo per tutta la stagione!

Con tutte queste rose piantate, quale ha un sapore diverso?

Sono indeciso tra due scelte. Oppure la punizione contro Faimes B nella gara di ritorno. Oppure anche il secondo gol dell’andata contro il Faimes B.

Questi gol arrivano solo dal gioco pieno?

No, ho segnato tre rigori prima di essere cancellato dalla lista dei calci perché ne ho sbagliati troppi (ride). Ci sono anche sei o sette calci di punizione nel lotto. Inoltre, con Cyril Delvaux, anche lui tiratore di calci piazzati, ci prendevamo in giro per vedere chi di noi avrebbe segnato un calcio di punizione (sorride).

All’interno della squadra non c’è nessun altro vero numero nove oltre a te. È importante per te?

È vero che sono solo io in questo momento. Non so dove siano i trasferimenti. Tutto quello che posso dire è che ho bisogno di pressione per aumentare il mio desiderio. Ma c’è anche il fattore vecchiaia che entra in gioco, quindi sarebbe meglio che il gruppo avesse un’alternativa.

Adesso in terza provinciale, dopo diversi anni di attesa, cosa ti succederà?

Ho ancora un po’ di fame (sorride). Mi concedo un altro anno prima di appendere i ramponi al chiodo. Ma nel calcio tutto accade così velocemente che non puoi prevedere il futuro. Nulla è certo e la stagione che inizierà a breve sarà decisiva. Voglio concludere con una nota positiva.

-

NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India