l’accusa richiede il rinvio alle assise per 30 avvelenamenti

l’accusa richiede il rinvio alle assise per 30 avvelenamenti
l’accusa richiede il rinvio alle assise per 30 avvelenamenti
-

“Il pubblico ministero ha chiesto l’archiviazione di Frédéric Péchier per i 30 presunti avvelenamenti corrispondenti all’insieme dei casi per i quali è stato incriminato”, ha dichiarato il magistrato in una conferenza stampa. Il praticante, 52 anni, ha continuato a proclamare la sua innocenza dall’inizio di questa vicenda.

“I fatti per i quali è incriminato non hanno nulla a che vedere con atti di eutanasia. Ciò di cui è accusato è di aver avvelenato pazienti sani, per nuocere a colleghi con i quali era in conflitto”, ha sottolineato il magistrato, ritenendo che si trattasse di un atto “davvero senza equivalenti negli annali giuridici francesi.

In conflitto con i suoi colleghi

L’ex anestesista è sospettato di aver inquinato, tra il 2008 e il 2017, le sacche per le infusioni dei pazienti in due cliniche private di Besançon per provocare arresti cardiaci e poi dimostrare le sue doti di rianimatore, ma anche per screditare i colleghi con cui era in conflitto.

Il pubblico ministero ha insistito “sull’aspetto atipico e insolito delle accuse che gravano sull’imputato”.

“Sette anni e quattro mesi (dall’inizio della vicenda), può ovviamente sembrare particolarmente lungo ma questa durata si spiega con la straordinaria, peso bene le mie parole, la straordinaria complessità dei fatti portati all’attenzione del parquet ”, ha aggiunto Etienne Manteaux, ricordando di essere stato inizialmente sequestrato per 77 eventi avversi gravi (SAE).

Alla fine l’anestesista fu incriminato in via definitiva per 30 casi, di cui 12 mortali. Per altri due casi, a causa della mancanza di accuse sufficienti, Frédéric Péchier è stato posto sotto lo status più favorevole di testimone assistito. La procedura conta 27.000 pagine: schede di udienza, perizie, ecc.

Arresti cardiaci inspiegabili

Il caso è iniziato quando un anestesista della clinica Bisontine ha lanciato l’allarme dopo tre arresti cardiaci inspiegabili di pazienti durante un intervento chirurgico.

Nella stragrande maggioranza dei casi, gli esperti hanno ritenuto che esistessero “forti sospetti” – in alcuni casi “certezze” – che sostanze in dosi talvolta letali fossero state somministrate a pazienti venuti per essere operati nelle due cliniche dove si trovava Frédéric Péchier officiato, spesso per interventi benigni.

Tra i prodotti trovati in overdose nelle analisi effettuate sui pazienti, alcuni dei quali erano morti e hanno dovuto essere riesumati: la lidocaina, un anestetico locale, e perfino il potassio.

Dosi di potassio “100 volte superiori” a quelle previste sono state così riscontrate in una paziente sulla trentina, notano gli esperti. Anche un bambino di 4 anni ha subito un arresto cardiaco ed è rimasto due giorni in coma.

Secondo Etienne Manteaux, gli investigatori hanno identificato 1.514 persone che probabilmente hanno avuto accesso alle sale operatorie tra il 2008 e il 2017. “Di queste 1.514 persone, Frédéric Péchier è l’unica persona che era presente in questi stabilimenti, nei periodi in cui sono stati constatati i 30 sospetti avvelenamenti .”

“Personaggio carismatico”

“Frédéric Péchier è stato il primo a soccorrere quando si è verificato un arresto cardiaco”, ha continuato il magistrato. Secondo i suoi colleghi “aveva sempre la soluzione”, “pensava di essere il migliore”, la star degli anestesisti di Besançon. “Aveva creato un personaggio davvero carismatico e salvatore.”

“Negli avvelenamenti in cui sono morti i pazienti, era in conflitto più marcato con i colleghi a cui è successo”, ha osservato anche il pubblico ministero.

Etienne Manteaux ha anche ricordato che l’anestesista “aveva ingerito prodotti oppioidi nel 2014” e che aveva dichiarato a uno psicologo che consultava allora “che si annoiava nel suo lavoro, che si annoiava più in generale nella sua vita.

Dopo essere rimasto in silenzio durante diversi interrogatori, Frédéric Péchier ha incriminato i suoi ex colleghi durante una delle sue udienze, assicurando che la maggior parte dei SAE erano il risultato di “errori medici” da parte loro.

-

PREV Esclusivo – Trump considera il piano di tagliare gli aiuti militari statunitensi all’Ucraina se non negozia la pace con Mosca
NEXT Festa Nazionale | Un campo di gigli al Parco Maisonneuve