“Dovrebbe cantare Djadja”, Nâdiya implora Aya Nakamura di non fare una cover di Edith Piaf alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Parigi

“Dovrebbe cantare Djadja”, Nâdiya implora Aya Nakamura di non fare una cover di Edith Piaf alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Parigi
“Dovrebbe cantare Djadja”, Nâdiya implora Aya Nakamura di non fare una cover di Edith Piaf alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Parigi
-

Mancano solo 63 giorni alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Parigi e resta un mistero: chi canterà sulla Senna? Aya Nakamura su Edith Piaf resta per il momento in cima ai pronostici. E la star degli anni 2000, Nâdiya, ha voluto esprimere la sua opinione su questa potenziale performance.

Intervistato nel podcast “Bruciato”la cantante ha dato il suo sostegno ad Aya Nakamura, convinta di esserlo ” al suo posto “ venire a rappresentare la Francia durante un evento del genere. Ma l’interprete di ” Eccoci qui ” tuttavia, ha delle riserve riguardo a un servizio attivo “L’inno all’amore” di Edith Piaf.

“Penso che dovrebbe cantare la sua canzone “Djadja”, non avere una cover”stima Nâdiya, che giura di rispettare la Môme e il potere che aveva “come una signorina”.

“Un artista deve essere al passo con i tempi”, secondo il cantante

Ma il cantante le assicura: canta “Djadja” avrebbe un impatto molto maggiore. “Aya Nakamura parla il linguaggio dei giovani, della sua generazione, con una cultura di parole che hanno a che fare con l’era del tempo”nota, affermando forte e chiaro che un artista, “se non è nell’era dei tempi”non è un vero artista.

Nâdiya osa così confrontarsi con il pittore Pablo Picasso e i suoi dipinti. “Quando dipinge Guernica è in tempo di guerra, è proprio nell’epoca dell’epoca”. La cantante manda così un messaggio chiaro ad Aya Nakamura: “Canta “Djadja”. Vieni, canta e onora chi sei”.

Nâdiya alla cerimonia di apertura? “Se mi avessero offerto…”

Spera che la cantante franco-maliana abbia l’opportunità di fare questa scelta forte. E se Aya Nakamura alla fine non è disponibile, Nâdiya non dice necessariamente di no. La conduttrice Mehdi Hamala ha infatti chiesto se una simile proposta avrebbe potuto essere accettata da parte sua.

“Se qualcuno mi avesse chiesto vent’anni dopo di venire a cantare su qualcosa del genere, ovviamente che simbolicamente per me rappresenta tantissime cose confessa il cantante. ” E vai allo spettacolo) “ all’apertura dei Giochi Olimpici? Non è un’idea così ridicola!

Soprattutto perché Nâdiya non è sconosciuta nel mondo dello sport. Prima di diventare una star della musica, frequentava regolarmente la pista di atletica. Fino a diventare campionessa francese juniores nel 1990 e nel 1991 negli 800 metri indoor!

-

PREV Direttamente dai mercati: Stellantis, Alstom, Atos, Soitec, Clariane, McPhy, Broadcom, Tesla…
NEXT Il CNTSH celebra i donatori