Israele dà il via libera alla ripresa dei negoziati per la liberazione degli ostaggi a Gaza – 23/05/2024 alle 10:31

Israele dà il via libera alla ripresa dei negoziati per la liberazione degli ostaggi a Gaza – 23/05/2024 alle 10:31
Israele dà il via libera alla ripresa dei negoziati per la liberazione degli ostaggi a Gaza – 23/05/2024 alle 10:31
-

Il 23 maggio 2024, una donna ispeziona i danni subiti dalla sua casa dopo un bombardamento israeliano a Nousseirat, nel centro della Striscia di Gaza, dove una guerra contrappone Israele al movimento islamico palestinese Hamas (AFP/Bashar TALEB)

Il governo di guerra israeliano ha dato il via libera alla ripresa dei negoziati in vista della liberazione degli ostaggi detenuti nella Striscia di Gaza, dove giovedì l’esercito ha effettuato bombardamenti nel nord e nel sud del territorio palestinese.

La decisione di proseguire queste discussioni arriva dopo la diffusione di un video che mostra il rapimento di soldati israeliani da parte di combattenti del movimento islamico Hamas il 7 ottobre, durante l’attacco senza precedenti in Israele che ha scatenato la guerra.

Le famiglie di cinque donne soldato tenute in ostaggio a Gaza hanno autorizzato la trasmissione di queste immagini mercoledì.

Nella sequenza, tratta da un video girato dai commando di Hamas, secondo le famiglie, si vedono queste giovani donne, alcune con il volto insanguinato, sedute per terra in pigiama, con le mani legate dietro la schiena.

“Le immagini rivelano il trattamento violento, umiliante e traumatico che le ragazze hanno subito il giorno del loro rapimento”, ha affermato in un comunicato l’Hostage Families Forum.

– “Mai più” –

Le famiglie degli ostaggi detenuti nella Striscia di Gaza e i loro sostenitori manifestano il 22 maggio 2024 a Gerusalemme per chiedere al governo il rilascio dei loro cari (AFP / AHMAD GHARABLI)

Queste immagini “rafforzeranno la mia determinazione a lottare con tutte le mie forze fino all’eliminazione di Hamas, per garantire che ciò che abbiamo visto stasera non accada mai più”, ha risposto da parte sua il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu sul suo account Telegram , prima di incontrare il suo gabinetto di guerra mercoledì nella tarda serata.

Secondo un alto funzionario governativo, egli “ha incaricato la squadra dei negoziatori di tornare al tavolo delle trattative per ottenere la restituzione degli ostaggi”.

All’inizio di maggio, i negoziati indiretti tra Hamas e Israele, attraverso mediatori del Qatar, dell’Egitto e degli Stati Uniti, non sono riusciti a raggiungere un accordo per una tregua a Gaza associata alla liberazione degli ostaggi e dei prigionieri palestinesi detenuti da Israele.

L’attacco del 7 ottobre, compiuto da Hamas dalla Striscia di Gaza, ha provocato la morte di oltre 1.170 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP basato su dati ufficiali israeliani. Secondo l’esercito, delle 252 persone prese in ostaggio il 7 ottobre, 124 sono ancora detenute a Gaza, di cui 37 morte.

In risposta all’attacco, Netanyahu ha promesso di spazzare via Hamas, lanciando con il suo esercito un’offensiva devastante nella Striscia di Gaza, dove Hamas, considerata un’organizzazione terroristica da Israele, Unione Europea e Stati Uniti, ha preso il potere nel 2007. .

I palestinesi rendono omaggio ai corpi dei propri cari il 23 maggio 2024 presso l’Ospedale dei Martiri di Al-Aqsa, dopo un bombardamento israeliano a Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza, dove una guerra contrappone Israele al movimento islamista Hamas palestinese (AFP/Bashar TALEB)

Secondo i dati del Ministero della Sanità del governo di Gaza guidato da Hamas, almeno 35.709 palestinesi, per lo più civili, sono morti in questa offensiva.

Attacchi aerei e colpi di artiglieria si sono sentiti durante la notte in tutta la Striscia di Gaza, in particolare a Rafah (sud) e Jabalia (nord), secondo giornalisti, medici e testimoni dell’AFP che hanno riferito di intensi bombardamenti anche a Gaza City.

A Jabalia, l’esercito israeliano ha affermato di aver “preso di mira diversi terroristi di Hamas durante attacchi contro infrastrutture militari utilizzate per immagazzinare armi”.

A Nousseirat (al centro), i bambini hanno ispezionato le macerie di una casa distrutta da un attacco aereo israeliano giovedì mattina.

“Quando ho visto le fiamme, ero nella scuola trasformata in rifugio, mi sono detta ‘povera gente è stata colpita dal missile’, senza sapere che in realtà si trattava di mio marito, della sua prima moglie e dei loro figli”, racconta Fatima Hathat.

– La consegna degli aiuti è stata ostacolata –

I bambini guardano il 23 maggio 2024 i danni subiti da un edificio dopo un bombardamento israeliano a Nousseirat, nel centro della Striscia di Gaza, dove una guerra contrappone Israele al movimento islamico palestinese Hamas (AFP/Bashar TALEB)

A Rafah, le forze israeliane, che hanno iniziato le operazioni di terra il 7 maggio, provocando lo sfollamento di 800.000 persone secondo l’ONU, hanno continuato ad operare nei quartieri del Brasile e di Shabura, secondo l’esercito.

Da quando l’esercito israeliano è stato schierato lo stesso giorno sul lato palestinese del valico di frontiera di Rafah, israeliani ed egiziani si sono accusati a vicenda per la paralisi di questo valico attraverso il quale entrava la maggior parte del carburante essenziale per gli ospedali e la logistica umanitaria.

Secondo le agenzie di aiuto umanitario, le consegne sono in gran parte ostacolate anche ai valichi di Kerem Shalom ed Erez sul lato israeliano. Gli aiuti sono bloccati anche sul lato egiziano del valico di Rafah.

Palestinesi sfollati in coda per l’acqua in un campo a ovest di Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza, 21 maggio 2024 (AFP / -)

L’esercito, tuttavia, ha riferito giovedì che 371 pallet di aiuti umanitari, compreso cibo, sono entrati mercoledì nella Striscia di Gaza, attraverso un porto temporaneo allestito dagli Stati Uniti.

– “Ricompensa” –

Sul fronte diplomatico, Spagna, Irlanda e Norvegia hanno annunciato mercoledì la loro decisione di riconoscere congiuntamente uno Stato palestinese nella speranza di indurre altri paesi a fare lo stesso.

La creazione di uno Stato palestinese vitale appare una prospettiva molto incerta, soprattutto a causa dell’assenza di colloqui in questa direzione e della colonizzazione ebraica nella Cisgiordania occupata. E l’opposizione di Benjamin Netanyahu.

Cartogramma dei paesi membri delle Nazioni Unite che riconoscono lo Stato di Palestina, al 22 maggio 2024 (AFP / Valentin RAKOVSKY)

Il riconoscimento dello Stato di Palestina è “una ricompensa per il terrorismo”, ha affermato mercoledì.

Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz, da parte sua, ha annunciato che convocherà gli ambasciatori di Spagna, Irlanda e Norvegia e richiamerà gli ambasciatori israeliani in questi tre paesi per consultazioni.

Il riconoscimento rappresenta una nuova battuta d’arresto per Israele dopo che il procuratore della Corte penale internazionale Karim Khan ha richiesto mandati di arresto contro Netanyahu per presunti “crimini contro l’umanità”, insieme ai leader di Hamas.

-

PREV Prima della sua morte, le forti parole di Jerry West su Victor Wembanyama: “Per me, lui è…
NEXT Tesla avverte di un futuro aumento di prezzo per la Model 3