Nella valle della Senna verrà creato un porto merci unico in Normandia

-

Di

Pierre Boissonnat

pubblicato su

23 maggio 2024 alle 6:00

Vedi le mie notizie
Segui L’Impartial

IL sviluppo dei trasporti fluviali non è ancora una realtà nel settore di Gaillon (Eure), ma comincia a prendere forma.

Posa della prima pietra della piattaforma multimodale, Venerdì 3 maggio 2024che la società Carriere di Vignats costruita su la vecchia terra desolata di Carel-Fouché in Aubevoye ne è l’esempio.

Quel giorno, Geoffroy Colinpresidente e amministratore delegato dell’azienda con sede tra Calvados e Orne, aveva invitato Hervé Morinpresidente della Regione Normandia (I Centristi), Bernard Leroypresidente dell’agglomerato Seine-Eure, Simone Babréprefetto dell’Eure, Filippo Collassindaco della Val d’Hazey, e numerosi eletti della città per una visita al sito iniziata nel settembre 2023.

Sito strategico

Accompagnato da Anna Tourrepresidente del gruppo carriere Basaltiproprietario di Carrières de Vignats, Geoffroy Colin ha spiegato alla delegazione la natura strategica del sito di 13 ettari.

«Presenta una rara combinazione con la ferrovia da un lato, la Senna dall’altro e il vicino accesso alla A13. »

Geoffroy Colin, Presidente e CEO di Carrières de Vignats
Geoffroy Colin, amministratore delegato di Carrières de Vignats. ©L’Imparziale

Quando la piattaforma sarà messa in servizio, a metà del 2025, “avremo un collegamento ferroviario di 160 km tra le nostre cave in Bassa Normandia e Le Val d’Hazey. Ci permetterà di rifornire innanzitutto le imprese a 90 km di distanza. E poi potremo fornire ai nostri clienti edili nella regione parigina i nostri massicci aggregati di roccia attraverso la Senna”, spiega.

Fino a 8.000 camion in meno

Questa piattaforma sarà composta da due banchine di carico (uno per rinfuse, l’altro per container), già realizzato sulle rive della Senna lungo l’alzaia . Sarà integrato da a Terminal ferroviario di 150 metri

per garantire la consegna dei materiali dalla rotaia.

“Il nostro obiettivo è decarbonizzare il trasporto dei nostri aggregati. Speriamo di trasportare 200.000 tonnellate di materiali all’anno via fiume. Ciò rappresenta tra le 50 e le 80 chiatte all’anno. Lo spostamento modale ferrovia-fiume dovrebbe consentire di ridurre il numero di camion in circolazione da 6.000 a 8.000», spiega Geoffroy Colin.

Video: attualmente su -

Un investimento da 18 milioni di euro Per la costruzione di questa piattaforma multimodale unica in Normandia, Carrières de Vignats ha investito più del18 milioni di euro

La piattaforma in fase di sviluppo.

Sull’ex deserto Carel-Fouché, ad Aubevoye, la piattaforma Carrières de Vignats comincia a prendere forma. ©L’Imparziale

Shift modale e Carrières de Vignats in cifre
La società Carrières de Vignats, con sede inizialmente a Vignats (Orne), produce e trasporta aggregati massicci di roccia e sabbia. Ha otto sedi in Normandia, tra cui quattro cave di roccia, due
cave di sabbia e altre due piattaforme multimodali, a Honfleur (Calvados) e Petit-Couronne (Seine-Maritime).
– 1,9 milioni di tonnellate di aggregati estratti ogni anno in Normandia. Di questo totale, 1,7 milioni di tonnellate vengono consumate in Normandia.
– 55 dipendenti.
– Il 52% della sua produzione viene consegnato nell’Orne e nel Calvados.
– Il resto delle sue spedizioni sono distribuite come segue: 396.000 tonnellate nella Senna Marittima, 362.000 tonnellate nell’Eure e 142.000 tonnellate nella regione parigina.

Il trasporto stradale rappresenta il 92% del flusso, il 5% quello fluviale e il 3% quello ferroviario. Una chiatta può trasportare 2.000 tonnellate di merci. Per lo stesso volume sono necessari 1,5 treni merci e 70 camion. La distanza media percorsa su strada è di 33 km, su ferrovia 194 km e su fiume 106 km.

Un progetto realizzato esclusivamente da imprese normanne e sovvenzionato dallo Stato, dalla Regione Normandia, dalle Voies Navigables de France, dall’Agenzia per la Transizione Ecologica (Ademe), dall’Agglomerato Seine Eure e dall’Agenzia Normandia per l’Acqua Senna per un importo totale di circa 5 milioni di euro euro.

“Questa costruzione fa parte del programma di decontaminazione delle terre desolate industriali e non invade i terreni agricoli”, assicura il rappresentante di Carrières de Vignats. L’apertura del polo multimodale di Carrières de Vignats dovrebbe consentire la creazione di cinque posti di lavoro e da due a tre posti di lavoro indotti.

Un centro di attività in divenire

Questa piattaforma si svolgerà sull’asse tra Parigi e Le Havre.

“Il nostro obiettivo è offrire un servizio intermedio e complementare tra Gennevilliers e Haropa per chiatte o merci”

Geoffroy Colin, Presidente e CEO di Carrières de Vignats

Sui 13 ettari del sito, oltre alla piattaforma e agli spazi di stoccaggio, Carrières de Vignats sta risanando edifici industriali e uffici che l’azienda desidera poi affittare ad altre aziende per farne un nuovo centro di attività di cui potrebbero beneficiare anche le aziende da questo trasferimento modale.

“A lungo termine, se si sviluppa il trasporto fluviale, pensiamo di creare un terzo boom”, indica l’imprenditore. Se vede la luce è perché Carrières de Vignats sarà riuscita nella sua scommessa di puntare sui trasporti fluviali.

*Per sfruttare le sponde della Senna, l’impresa ha dovuto costruire un percorso di deviazione dall’alzaia che sarà temporaneamente tagliato durante il carico o lo scarico delle chiatte su questi due bracci.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Ad Auray e Landévant, tre incidenti in serata da sabato a domenica
NEXT Koeman: “La squadra francese è un po’ più favorita delle altre” – Nazionali – Olanda