L’ex candidata alla Casa Bianca Nikki Haley annuncia che voterà per Donald Trump

L’ex candidata alla Casa Bianca Nikki Haley annuncia che voterà per Donald Trump
L’ex candidata alla Casa Bianca Nikki Haley annuncia che voterà per Donald Trump
-

“Non possiamo avere qualcuno che si prenda gioco degli uomini e delle donne che cercano di proteggere l’America. È un modello di caos. È un modello di irresponsabilità. » Questo è ciò che Nikki Haley pensava del candidato Trump tre mesi fa. Prima di annunciare finalmente oggi che il suo voto sarebbe andato al suo ex rivale repubblicano alle primarie nelle elezioni presidenziali di novembre.

Presidente Joe “Biden è un disastro. Quindi voterò per Trump”, ha detto durante un discorso in un centro di ricerca conservatore. Ma Donald Trump dovrebbe “raggiungere i milioni di persone che hanno votato per me e che continuano a sostenermi, e non dare per scontato che si schiereranno dietro di lui”, ha avvertito.

“Cervello di passero”

Questo mese, il candidato repubblicano aveva assicurato che Nikki Haley non sarebbe stato il suo vicepresidente se avesse vinto le elezioni. Anche se Donald Trump gli ha da tempo soprannominato “cervello di passero”, l’ex ambasciatore americano presso le Nazioni Unite ha più volte criticato aspramente il suo rivale. “La mia preoccupazione, senza voler essere denigratoria, è che quando devi affrontare la pressione della presidenza, non puoi avere qualcuno a cui ti chiedi se è mentalmente capace di farlo”, aveva punto lo scorso gennaio.

Mentre Donald Trump ha ampiamente dominato le primarie, Nikki Haley si è ritirata dalla corsa alle nomination all’inizio di marzo. Ha poi augurato “il meglio” all’ex presidente, senza chiedere di votare per lui. “Spetta ora a Donald Trump meritare i voti di coloro che, nel nostro partito e non solo, non lo hanno sostenuto e spero che lo faccia”, ha detto. Ovviamente se lo è “guadagnato”.

-

PREV gli Stati Uniti concederanno più di 400 milioni di dollari in nuovi aiuti ai palestinesi
NEXT Jordan Bardella annuncia un “accordo tra RN e LR” con “diverse dozzine” di deputati LR “supportati”