“Sono stato felice di vedere tanti appassionati di scacchi qui in Marocco” – Telquel.ma

-

Come è : Cosa ne pensi della variante Casablanca? Ti è piaciuto giocarci? Questo ti ha fatto venire voglia di giocare di nuovo a scacchi classici?

Magnus Carlsen: Senza dubbio mi è piaciuto molto il formato che abbiamo avuto qui. Ciò ha dato origine ad alcune posizioni molto belle che di solito non gioco. Mi è piaciuta immensamente la nuova modalità di gioco. E ogni volta che vinco un torneo, ovviamente, sono molto felice.

Hai avuto la possibilità di suonare in diversi paesi. In che modo le differenze culturali influenzano il modo in cui gli scacchi vengono percepiti e giocati nel mondo? Hai osservato qualche caratteristica unica nella cultura scacchistica marocchina?

Mi ha fatto piacere vedere tanti appassionati di scacchi qui in Marocco. Avevo già giocato una volta, nel 2010, ho giocato un simul’ (partita simultanea, tra un grand, un master e tanti giocatori dilettanti, ognuno sul proprio tabellone, ndr) con Garry Kasparov a Marrakech, quindi ho potuto vedere che lì C’erano anche molti buoni giocatori qui. Ci sono culture diverse in diverse parti del mondo e mi è piaciuta molto la sala giochi qui (Makhama du Pacha, nel quartiere Habous, ndr). Lei è magnifica.

È noto che gli scacchi sono anche una battaglia psicologica. Che consigli daresti ai giovani giocatori marocchini per rafforzare la loro resilienza mentale?

Il mio consiglio ai giovani giocatori marocchini: divertitevi, godetevi il momento e non prendetelo troppo sul serio. Soprattutto, gli scacchi sono il miglior gioco del mondo e un vero piacere.

-

PREV DIRETTO. Spagna-Italia a Euro 2024: grande intensità installata fin dall’inizio della partita! Segui in diretta il vertice
NEXT È questo il miglior prezzo per Apple iPad 10? Guarda tu stesso