MERCATO INTERNAZIONALE – Un’oncia d’oro a 10.700.000 ariary

MERCATO INTERNAZIONALE – Un’oncia d’oro a 10.700.000 ariary
MERCATO INTERNAZIONALE – Un’oncia d’oro a 10.700.000 ariary
-
Lunedì l’oncia d’oro veniva scambiata a 10.700.000 ariary.

Fino a che punto si spingerà la guerra delle offerte? In ogni caso, lunedì il prezzo dell’oro ha superato la soglia di 10.560.000 ariary per oncia (28,35 grammi). Un nuovo record storico che conferma sempre più la tendenza al rialzo dei prezzi internazionali. Ma anche la situazione geopolitica che diventa sempre più dannosa con lo scoppio di numerosi conflitti in varie regioni del globo. Attualmente, i commentatori e gli operatori del mercato azionario si chiedono se questo rapido aumento potrebbe spingere i prezzi dell’oro a battere nuovi record, o addirittura a raggiungere i 13.200.000 ariary. Difficile dirlo al momento.

Gli analisti di Goldman Sachs hanno indicato che i prezzi potrebbero raggiungere 11.880.000 ariary. Citigroup, dal canto suo, sostiene che il prezzo del metallo giallo potrebbe raggiungere i 13.200.000 ariary. Tuttavia, il fatto è che l’impennata dei prezzi dell’oro dura dal settembre 2023, periodo in cui è iniziato il conflitto israelo-palestinese. Anche gli economisti e gli analisti dei mercati finanziari prevedono che questa tendenza continui nel tempo, almeno per i prossimi mesi.

Una prospettiva brillante per i paesi africani produttori del metallo giallo. Questa potrebbe essere un’occasione da non perdere. Tuttavia, questa è un’arma a doppio taglio. Nel suo rapporto di inizio mese, la Banca africana di esportazione-importazione (Afreximbank) ha messo in guardia. “L’aumento dei flussi di riserve valutarie generati dalle esportazioni di oro a prezzi elevati può causare un aumento della domanda di prodotti locali portando ad un aumento dell’offerta monetaria nazionale senza un corrispondente aumento della produzione, il che si traduce in pressioni inflazionistiche”, afferma l’agenzia Ecofin. riportato nelle sue colonne, riassumendo il rapporto di Afreximbank. L’aumento dei prezzi dell’oro potrebbe anche incoraggiare l’estrazione illegale e l’esportazione del metallo giallo. Anche se questo avvantaggia tutti i settori dell’economia.

Itamara Randriamamonjy

-

PREV giorno commovente per suo figlio Mick, che seguirà le sue orme 33 anni dopo
NEXT Lo Stato offre 700 milioni di euro per rilevare le attività strategiche di Atos