un anno dopo la morte di tre agenti di polizia uccisi in un incidente, omaggio reso durante una marcia dei bianchi a Lille

un anno dopo la morte di tre agenti di polizia uccisi in un incidente, omaggio reso durante una marcia dei bianchi a Lille
un anno dopo la morte di tre agenti di polizia uccisi in un incidente, omaggio reso durante una marcia dei bianchi a Lille
-

Una marcia bianca si è svolta per le strade di Lille (Nord) per rendere omaggio a Manon, Steven e Paul, un anno dopo la morte di questi tre giovani agenti di polizia in un incidente stradale a Villeneuve d’Ascq. Passano i mesi, ma l’emozione della famiglia resta immensa.

Alcuni indossano foto, altri portano il proprio volto sulle magliette, ma tutti hanno lo stesso desiderio : rendere omaggio a Paul Medeiros, Steven Greblac e Manon Raux. Boulevard Victor Hugo, a Lille, diverse centinaia di persone si sono recate per partecipare alla marcia bianca in onore di questi tre agenti di polizia della stazione di polizia di Roubaix morti in un incidente stradale il 21 maggio 2023.

>>

Manon Raux aveva 24 anni e doveva unirsi alle brigate equestri

© Sanaa Hasnaoui / Matthieu Rappez / France Télévisions

Mentre trasportavano una giovane adolescente all’istituto medico-giudiziario di Lille, il furgone della polizia è stato investito da un veicolo che viaggiava contromano sulla DR. 700 a Villeneuve d’Ascq. La collisione, causata da un conducente che aveva bevuto alcol e consumato droghe, ha ucciso sul colpo queste tre guardie di pace di 24 e 25 anni.

Davanti al corteo i volti sono chiusi. Le poche lacrime si confondono con la pioggia torrenziale caduta su Lille a maggio. A un anno dalla tragedia, l’emozione resta immensa per i parenti del defunto, che vedono queste sparizioni come una grande ingiustizia.

È stato molto commovente, ma siamo comunque sostenuti dal sostegno della gente“Sconvolta, Isabelle Raux, madre di Manon, fatica a contenere la sua emozione. “È una giornata piuttosto faticosa dal punto di vista emotivo. Per noi è stato ieri, non dobbiamo dimenticarli.”

Dopo più di un’ora e mezza di cammino, i parenti sono stati ricevuti nella prefettura del Nord nell’ambito di una cerimonia ufficiale. “Era molto sobrio“, testimonia Marilou Dosseur, compagna di Manon Raux. “Sono stati discorsi davvero toccanti da parte di parenti e autorità, che hanno rispettato il nostro desiderio di parlare con sobrietà di Manon, Paul e Steven. E di evocarli con grande dolcezza e rispetto.”




durata del video: 00h01mn13s

Archivi maggio 2023: Chi sono i tre agenti di polizia morti a Roubaix?



©Florie Castaingts / France Télévisions

Se il lutto resta difficile, le famiglie vogliono guardare al futuro. Delphin Medeiros, padre di Paolo testimonia: “la lotta continua, nulla è finito. Sono morti in servizio, sono morti per la Francia. Per me questo non è un semplice incidente. L’odio ce l’abbiamo ancora oggi, ci vorrà molto tempo per svanire. La legge deve essere inasprita per evitare nuove tragedie.

Il 21 maggio 2023, il furgone di Manon, Paul e Steven è stato investito frontalmente da un veicolo che viaggiava contromano sulla RD 700. Di queste auto, tutto ciò che rimaneva erano carcasse gettate nei fossati. I paraurti esplosi testimoniano la violenza di questo impatto frontale.

Al momento dell’incidente il conducente dell’autovettura coinvolta era risultato positivo ad alcol e sostanze stupefacenti. Stava viaggiando a 120 km/h invece che a 90 km/h, in direzione opposta. Lui e il suo passeggero erano già noti alla polizia per reati di diritto comune.




durata del video: 00h01mn38s

Archivi maggio 2023: ritorno ai fatti, morte dei tre agenti di polizia a Roubaix



©Valentine Meyer / France Télévisions

Emmanuel Macron si è recato per rendere omaggio a Manon, Paul e Steven, a nome della nazione, sulla piazza d’armi dell’accademia di polizia di Roubaix-Hem. Nel suo intervento, il Presidente ha poi ricordato: “parlare di loro diventa necessario, per rendere omaggio al loro destino. Mostra rispetto e affetto a coloro che servono e proteggono e denuncia comportamenti irresponsabili che uccidono. Manon, Steven e Paul erano tre figli della Repubblica. Tre giovani francesi che avevano deciso di servire la Nazione e la Repubblica a Roubaix per combattere la delinquenza, la violenza e la tratta.

>
>

Carcassa del furgone della polizia, dopo l’incidente

© France Télévisions

Durante questo omaggio, il Presidente della Repubblica li ha nominati postumi cavalieri della Legione d’Onore e li ha elevati al grado di capitano di polizia.

Se i parenti di Manon, Paul e Steven si sono riuniti per le strade di Lille il 21 maggio 2024, resta da vedere se si potrà organizzare un processo, mentre il conducente del veicolo in questione è morto al momento dei fatti.

-

PREV Il mancato rispetto di questa regola quando si va in bicicletta provoca un incidente su tre
NEXT Moissac: una giornata a Viarose con Les Enfants du Toit du monde