Le azioni crollano, dollaro stabile in vista dei verbali della Fed; la criptovaluta vola

Le azioni crollano, dollaro stabile in vista dei verbali della Fed; la criptovaluta vola
Le azioni crollano, dollaro stabile in vista dei verbali della Fed; la criptovaluta vola
-

Di Kevin Buckland e Lawrence White

TOKYO/LONDRA (Reuters) – I titoli azionari sono scivolati al ribasso mentre il dollaro si è mantenuto stabile martedì mentre gli investitori attendevano i verbali dell’ultima riunione politica della Federal Reserve per valutare i tempi e la portata dei possibili tagli dei tassi di interesse quest’anno.

L’oro è sceso rispetto al picco storico di lunedì, mentre il petrolio greggio è sceso a causa dei timori che i tassi di interesse statunitensi rimangano alti più a lungo mentre i funzionari della Fed hanno mantenuto una visione cauta su un recente allentamento dell’inflazione.

Le criptovalute Ether e Bitcoin sono salite a nuovi massimi di sei settimane tra le speculazioni secondo cui la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti potrebbe approvare un fondo quotato in borsa Ether spot.

I mercati attualmente tengono conto di circa 41 punti base di riduzione dei tassi da parte della Fed quest’anno, con un taglio di un quarto di punto pienamente scontato per novembre.

Gli operatori si sono affrettati a ricostruire le scommesse sull’allentamento dopo che i dati di inizio mese hanno mostrato che le pressioni sui prezzi al consumo si sono allentate in aprile dopo tre mesi di sorprese al rialzo all’inizio dell’anno.

Anche così, i funzionari della Fed sono riluttanti a dichiarare finita la lotta contro l’inflazione, con il vicepresidente Philip Jefferson che ha affermato lunedì che è troppo presto per dire se il rallentamento sarà “di lunga durata”, e il vicepresidente Michael Barr che ha affermato che la politica restrittiva ha bisogno di più tempo. .

I verbali dell’ultima riunione della Fed prevista per mercoledì potrebbero fornire informazioni preziose sul futuro percorso politico, sebbene le deliberazioni siano antecedenti alla lettura più debole dell’IPC della scorsa settimana.

L’indice STOXX di riferimento europeo, composto da 600 titoli, è scivolato dello 0,3%, dopo un precedente calo dello 0,9% del più ampio indice MSCI di azioni dell’area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone.

I mercati statunitensi sembravano destinati a seguire il tono attenuato, con i futures Nasdaq in ribasso dello 0,08%, mentre i futures S&P 500 sono rimasti stabili dopo il guadagno dello 0,1% di lunedì.

“Il sentiment del mercato rimane relativamente robusto, con una volatilità implicita bassa, supportata da una maggiore fiducia nei tagli dei tassi statunitensi quest’anno”, ha scritto in una nota Kyle Rodda, analista senior dei mercati presso Capital.com.

La storia continua

Allo stesso tempo, i massimi storici per metalli come oro e rame “vengono indicati come un segnale che l’attività economica sta migliorando a livello globale, e questo potrebbe essere un fattore che mantiene l’inflazione vischiosa”, ha affermato Rodda.

L’oro è sceso dello 0,3% a circa 2.417 dollari l’oncia, dopo essersi spinto fino alla cuspide dei 2.450 dollari per la prima volta durante la notte.

Il biglietto verde ha mantenuto la sua posizione rispetto alle principali valute, con l’indice del dollaro piatto a 104,62 dopo il rimbalzo dal minimo di cinque settimane di 104,07 raggiunto giovedì.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è rimasto poco variato al 4,4355%, dopo essere salito di 1,7 punti base lunedì.

I future del greggio Brent sono scesi dello 0,8% a 83,04 dollari al barile e il greggio statunitense West Texas Intermediate (WTI) è sceso dello 0,7% a 79,16 dollari.

Nel frattempo, i trader hanno acquistato criptovalute a seguito di un rapporto secondo cui la SEC aveva improvvisamente chiesto agli scambi che vogliono scambiare ETF sull’etere di aggiornare i documenti normativi, aumentando le scommesse che l’approvazione potrebbe arrivare questa settimana.

Il Bitcoin è salito fino a 71.957 dollari e l’ether è balzato a 3.720,80 dollari, raggiungendo entrambi livelli che non si vedevano dal 9 aprile.

“La speculazione sull’ETF sull’etere ha sicuramente fatto la sua parte nella mossa, gettando benzina sul falò del mercato rialzista delle criptovalute che si era riacceso dopo i dati più freddi dell’IPC statunitense della scorsa settimana”, ha affermato l’analista di IG Tony Sycamore.

Sycamore prevede che il Bitcoin testerà nuovamente il suo massimo storico a 73.803,25 dollari nel prossimo futuro prima di spingere verso gli 80.000 dollari.

(Segnalazione di Kevin Buckland e Lawrence White; montaggio di Subhranshu Sahu e Christina Fincher)

-

PREV “Memoir of a Snail” di Adam Elliot vince il premio principale al Festival dell’animazione di Annecy
NEXT Scopri dove guardare live streaming e trasmissioni televisive in India