Al Festival di Cannes, la Palma d’Oro onoraria assegnata alla Ghibli, lo studio di animazione di Miyazaki

Al Festival di Cannes, la Palma d’Oro onoraria assegnata alla Ghibli, lo studio di animazione di Miyazaki
Al Festival di Cannes, la Palma d’Oro onoraria assegnata alla Ghibli, lo studio di animazione di Miyazaki
-

L’animazione si distingue a Cannes: la Palma d’Oro onoraria è stata assegnata lunedì allo studio giapponese Ghibli, cofondato nel 1985 da Hayao Miyazaki, regista due volte premio Oscar per le sue opere intrise di poesia che piacciono a grandi e piccini l’arcipelago.

Fu suo figlio Gorō Miyazaki, anche lui regista della Ghibli, a venire a ritirare la Palma. Questa è la prima volta che uno studio riceve un premio del genere, solitamente assegnato a un attore o regista, come Meryl Streep e George Lucas, premiati anche quest’anno.

“Vorrei ringraziare tutti i fan di tutto il mondo. Vorrei davvero inviare questo ringraziamento a tutti. ha dichiarato Gorō Miyazaki, visibilmente commosso e accolto da un fragoroso applauso. Sentiva che questa ricompensa era “un incoraggiamento” Per “i prossimi quarant’anni”.

“Il ragazzo e l’airone”, Oscar per il miglior film d’animazione

Un video in cui Hayao Miyazaki si prende gioco della decisione di suo figlio di cercare questa palma (“Ho pietà di lui”) è stato mostrato al pubblico, provocando risate. Ha poi ringraziato più sobriamente il festival.

La cerimonia è proseguita con la trasmissione di quattro nuovi cortometraggi tra cui un mini-sequel di “Il mio vicino Totoro”. Tre su quattro di questi piccoli film non erano mai stati proiettati fuori dal Giappone.

Hayao Miyazaki, 83 anni, è uno dei più famosi maestri dell’animazione giapponese, con i film premiati con l’Oscar “La città incantata”. Le sue opere esplorano temi universali, come il rapporto dell’uomo con la natura e il soprannaturale, l’ecologia e le macchine, che l’artista dettaglia con passione.

Pur mostrando una predilezione per le giovani eroine coraggiose, creò anche personaggi fantasmagorici ispirati al folklore tradizionale giapponese, come la creatura accattivante ma misteriosa Totoro. Lo spirito animale Totoro è diventato anche la mascotte dello studio di animazione Ghibli, fondato nel 1985 da Hayao Miyazaki e dal suo socio Isao Takahata (morto nel 2018).

Miyazaki ha più volte annunciato il suo ritiro prima di tornare al tavolo da disegno. Il suo ultimo film, “Il ragazzo e l’airone”, ha vinto l’Oscar come miglior film d’animazione a marzo.

-

PREV LIVE – Spagna-Italia: chi vincerà il primo turno degli Europei?
NEXT questa famosa e recente Miss France con la quale è stato particolarmente “intraprendente”