Possiamo fidarci dell’intelligenza artificiale se le chiediamo consigli sulla gestione della nostra vita personale?

Possiamo fidarci dell’intelligenza artificiale se le chiediamo consigli sulla gestione della nostra vita personale?
Possiamo fidarci dell’intelligenza artificiale se le chiediamo consigli sulla gestione della nostra vita personale?
-

Atlantico: È possibile fidarsi dell’intelligenza artificiale per gestire la nostra vita personale? Possiamo fidarci dell’IA se le chiediamo consigli per gestire la nostra vita quotidiana o per aiutare i nostri cari?

Aleksandr Polonskij: Non è possibile affidare all’IA la nostra vita personale. Per interpretare correttamente le risposte che l’IA trasmetterà, esiste una formula matematica che agirà. Ciò non è molto lontano dal compito di un motore di ricerca tradizionale che abbina informazioni esistenti e che sono state generate da qualcuno a monte. Normalmente, gli esseri umani hanno creato queste informazioni.

Questo processo si basa su una formula enorme, con un miliardo di parametri appresi attraverso contenuti campione. Questa corrispondenza, legata al lavoro degli algoritmi, non è perfetta.

Alcuni comportamenti, come le regole grammaticali del linguaggio, possono essere assimilati e limitare gli errori di ortografia o grammaticali.

D’altro canto il ragionamento, l’intelligenza emotiva o anche la conoscenza sono cose molto più complesse della grammatica e della linguistica. L’intelligenza artificiale non è riuscita a registrarlo perfettamente. Questa ricchezza e complessità di emozioni, sentimenti o elementi della vita personale sono troppo grandi per essere codificati in un computer o in una formula matematica.

L’intelligenza artificiale, quando viene interrogata per fornire soluzioni nella nostra esistenza o nella nostra vita personale, può commettere errori, inventare cose che non esistono o dire qualcosa dando consigli dal significato non corretto o addirittura proporre soluzioni pericolose.

Devi quindi essere vigile quando vuoi interrogare l’IA sulla tua vita personale. L’intelligenza artificiale non ha legittimità né credibilità in questo ambito.

Non c’è necessariamente alcuna logica dietro le risposte che l’IA darà in questo ambito. È possibile ottenere risposte diverse ponendo la stessa domanda altrove. Questo non ispira molta fiducia.

Usare l’intelligenza artificiale potrebbe aiutare fratelli e sorelle che litigano, o a cercare soluzioni per una coppia che cerca di trascinarci nelle loro discussioni o per scoprire come una donna dovrebbe gestire le richieste del suo nuovo marito? L’intelligenza artificiale può fornire soluzioni più pragmatiche o è pericolosa e un metodo errato?

Questo è chiaramente un cattivo metodo. Interrogare l’IA per avere risposte e soluzioni sulla propria vita personale non è una buona idea. Dovrebbe essere chiaro che la risposta dell’IA si baserà sul confronto di articoli e pubblicazioni su blog o social network. Non è possibile attribuire alcun valore alle risposte che verranno fornite. Le risposte possono mancare di coerenza e logica.

Ciò può diventare pericoloso se sovrainterpretiamo le risposte fornite dall’intelligenza artificiale in questo ambito e le consideriamo come opinioni di esperti, il che non è affatto vero.

L’intelligenza artificiale e i nuovi strumenti come ChatGPT non hanno una forma di saggezza e analisi ragionata rispetto agli esseri umani bloccati nello stress della nostra vita personale? In definitiva, l’uso dell’intelligenza artificiale in quest’area non è forse una forma di ragionamento saggio?

Le risposte fornite dall’IA possono essere contrassegnate con il sigillo della saggezza. Ma nell’ambito della nostra vita personale e quotidiana non è possibile fidarsi ciecamente dell’IA. Bisogna mantenere una certa distanza e rendersi conto che tutte le risposte sono state generate da un algoritmo.

Non è chiaro se le risposte siano davvero la via verso la saggezza o se siano veramente utili. Le risposte dell’intelligenza artificiale alle nostre vite personali possono portare a commettere errori. I giornalisti della BBC che hanno studiato le interazioni con l’intelligenza artificiale hanno avuto un’esperienza sorprendente e inquietante in questo settore. L’IA ha raccomandato al giornalista di uccidere sua moglie. Anche un uomo è stato spinto al suicidio dopo un lungo scambio con l’IA.

Bisogna quindi prestare attenzione di fronte ai consigli e alle dichiarazioni di AI su questioni legate alla nostra vita personale.

Ci sono molti pregiudizi nel cuore dell’intelligenza artificiale. Bisogna quindi stare molto attenti di fronte alle risposte dell’intelligenza artificiale. Piuttosto, dovrebbe aiutarci e incoraggiarci a pensare con la nostra testa, ad aprire altre opzioni. Dovremmo piuttosto rivolgerci a veri esperti piuttosto che all’intelligenza artificiale.

Mettere alla prova il buon ragionamento dei chatbot per la nostra vita personale potrebbe essere un rischio crescente. Gli stessi progettisti nel campo dell’intelligenza artificiale sono consapevoli di questo rischio e stanno prendendo in considerazione il rafforzamento delle protezioni e il miglioramento dell’intelligenza artificiale di fronte a queste richieste?

Sono molto, molto consapevoli di questo rischio. Il progettista di OpenAI ha già accennato a questo fenomeno. L’intelligenza artificiale è una tecnologia davvero impressionante e potente. Ma deve essere utilizzato in modo responsabile.

Attraverso la generazione aumentata di recupero, sarà possibile utilizzare l’intelligenza artificiale per trovare informazioni affidabili e chiedere all’intelligenza artificiale di sintetizzare queste informazioni.

Questo è molto più rilevante e meno rischioso che porre la domanda direttamente e affidarsi esclusivamente all’intelligenza artificiale.

-

PREV Georges-Louis Bouchez consiglia all’Open Vld di riprendere colore: “Dobbiamo seguire questa linea”
NEXT Austria – Francia: a che ora e su quale canale seguire la partita in diretta?