“Emilia Perez” spinge Jacques Audiard tra i favoriti per la seconda Palma d’Oro a Cannes 2024

-

L’opera cinematografica “Emilia Perez” ha beneficiato di un’accoglienza molto entusiastica alla sua proiezione a Cannes, posizionando così Jacques Audiard come uno dei candidati prescelti per il concorso.

Dopo aver ricevuto la Palma d’Oro per il suo film “Dheepan” nel 2015, Jacques Audiard potrebbe essere incoronato una seconda volta grazie a “Emilia Perez”, ed entrare così nella ristretta cerchia dei doppi vincitori del premio supremo del cinema internazionale.

Il Festival di Cannes adora i musical. Nel 1967 la giuria assegnò il Gran Premio a “Les Demoiselles de Rochefort” di Jacques Demy (la Palma d’oro non esisteva ancora) e successivamente, nel 2000, assegnò la Palma d’oro a “Dancer in the Dark” di Lars von Trier. “Emilia Perez”, con Zoe Saldana (Avatar) e con la musica di Clément Ducol e Camille, ha tutte le possibilità di entrare in questa lista.

Jacques Audiard ha ottenuto consensi al Festival di Cannes per quello che è considerato da molti un thriller musicale. È l’architetto di uno scenario tanto violento quanto toccante, dove il mondo oscuro della malavita parigina e la sofferenza personale dell’eroe sono trascesi e leniti dalla musica, dalle canzoni e dalle loro parole.

Rita (Zoe Saldana), un’avvocatessa esperta che lavora per una società specializzata nel riciclaggio di denaro, desidera trovare la vera giustizia. Per questo decide di sostenere Manitas, capo di un importante cartello parigino, nella sua lotta per abbandonare il mondo dell’hashish. Quest’ultimo ha un piano per liberarsi della sua vecchia vita: rivelare la donna che ha sempre saputo di essere, e far credere alla morte dell’uomo che era stato fino a quel momento.

“Emilia Perez”, il nome che Manitas sceglie dopo la sua trasformazione, e che dà anche il titolo al film, sembra toccata da una magia speciale. Grazie all’aiuto del musical, Jacques Audiard mette in scena brillantemente sequenze complete e offre un montaggio che ritma la sua storia in modo equilibrato. Le canzoni e le loro parole non sono elementi d’azione, sono piuttosto lo specchio dei sentimenti interiori dei personaggi.

Il film “Emilia Perez” entusiasma non solo con la sua storia avvincente e la recitazione impeccabile, ma anche con la sua regia. Quest’ultimo, vicino alla coreografia, offre un ritmo vivace che consente un lirismo universalista, ma senza eccessivo sentimentalismo. Audiard sottolinea l’empatia per il suo personaggio, i suoi tormenti interiori e la redenzione che ottiene. Questa armonia porta con sé un film che, nonostante il festival sia solo a metà, è già un serio contendente alla Palma o al Premio per la miglior regia. Tuttavia, la concorrenza è già forte.

Genere: Dramma/Commedia musicale
Direttore : Jacques Audiard
Attori: Zoe Saldana, Karla Sofía Gascón, Selena Gomez, Édgar Ramírez, Stéphane Ly-Cuong, James Gerard
Paese : Francia/Messico/Stati Uniti
Durata : 2h10
Uscita : 28 agosto 2024
Distributore:Pathé
Riassunto :Rita, un’avvocatessa sovraqualificata e sovrasfruttata, mette le sue capacità al servizio di una grande azienda che preferisce riciclare i criminali piuttosto che servire la giustizia. Ma un barlume di speranza appare quando ha l’opportunità di aiutare il leader del cartello Manitas a chiudere l’attività e realizzare il piano che ha tenuto segreto a lungo: diventare finalmente la donna che ha sempre desiderato essere.

-

PREV Festa del papà: una festa per tutti, una manna dal cielo per alcuni…
NEXT ecco le previsioni del tempo per questo lunedì