Colpiscimi forte e piano, di Billie Eilish | Audace incursione nel cuore delle emozioni

-

Un terzo album sontuoso per Billie Eilish, che osa in tutte le direzioni, ma offre un oggetto musicale tanto audace quanto coerente


Pubblicato ieri alle 12:16

Billie Eilish pensa costantemente. Su cosa è, cosa rappresenta, cosa il mondo le chiede e cosa è ora pronta a donare a chi la osserva così come a chi ama. Esprimendo i suoi stati d’animo in produzioni complesse e audaci, utilizzando testi chiari e spericolati, l’artista 22enne dimostra su Picchiami Duro e morbido che lei è una di quelle di cui il pop ha più bisogno.

“Potrei mangiarmi quella ragazza per pranzo”, canta per iniziare Pranzosecondo pezzo di Picchiami Duro e morbido, in cui adora una ragazza che desidera ardentemente, su un ritmo pop schietto scandito dal drumpad. È decisamente strano e divertente. È il più grande banger dall’album. Incontriamo una Billie Eilish che ancora non conoscevamo e che continuiamo a scoprire in oltre 10 brani, per 45 minuti di ascolto. Se non aveva mai realmente attinto alla sessualità per i suoi testi (ha iniziato giovanissima, appena 16enne, e ha spesso denunciato l’ipersessualizzazione del suo corpo), si riappropria del tema senza ambiguità. Lo ha raccontato anche lei, in una rara intervista, al Rolling Stoneche questa canzone l’ha aiutata a comprendere meglio la sua identità queer.

E mentre la magnifica canzone di apertura Magromolto arioso e delicato, inizia con una melodia di chitarra per lasciare il posto ad una conclusione vertiginosa condotta da un insieme di archi, gli ultimi secondi di Pranzo portano piuttosto ad una metamorfosi verso accenti techno e dance. Chihiro (sin dal suo primo album, Eilish ha detto di essersi ispirata al film Incantato, di Hayao Miyazaki), piuttosto lo-fi, arriva poi a deliziarci totalmente grazie al suo ritornello accattivante. A metà del brano, i sintetizzatori intraprendono un fugace volo che vi farà venire i brividi.

Ma niente sorprende (e piace) più dell’audace dietrofront dello spettacolo Amore della mia vita (Eilish non canta in francese, ma pronuncia le parole una volta): inizia con un groove accattivante con voci dolci e sovrapposte che diventano improvvisamente iper pop e ballabili, prende in prestito sintetizzatori dagli anni ’80 e lavora la voce con un vocoder per renderla il più sintetica possibile. possibile. In breve, Billie Eilish va dappertutto.

Finnea fantastica

A metà del nostro primo ascolto Picchiami Duro e morbido, ci è venuta una riflessione chiara: Billie Eilish e suo fratello Finneas (coautore e produttore dell’album) fanno quello che vogliono, e lo fanno così bene che ne rimaniamo sorpresi e affascinati. Se ritengono che una canzone meriti un completo cambiamento di umore a metà strada, lo permetteranno. Se vogliono la semplice chitarra acustica e la voce vaporosa degli splendidi Il più grande (la cui ascesa drammatica è una delle cose più belle di questo album) precedono i brani pop ispirati a un ritornello parigino (un tono di fisarmonica come bonus), lo faranno. Tutto va bene quando hai così tanto talento. Perché tutte le strade in cui si è impegnato il duo creativo hanno portato all’eccellenza. Emerge però un punto in comune: se al suo terzo album non manca il carattere lugubre che le piace, Billie Eilish offre un lavoro molto più luminoso dei suoi precedenti.

Ancora una volta, Finneas fa un lavoro magistrale nella composizione e nella produzione. Le sue produzioni sono così elaborate che in alcuni casi ci sono voluti più ascolti per cogliere i sottili strati di movimento che ha infuso qui o la tecnica di looping che ha usato lì per generare tensione.

Fiore di campo, in cui Billie Eilish dice “La vedo sempre nel profondo della mia mente/Like a Fever/Like I’m Burning Alive/Like a Sign”, è un’altra ardente dichiarazione di amore e desiderio. Gli strumenti (semplici chitarre e batteria) diventano più rock in questa commovente ballata, un altro cambio di direzione che si inserisce perfettamente nell’insieme nonostante la sua unicità.

Una voce come nessun’altra

type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

FOTO FORNITA DA UNIVERSAL MUSIC

Billie Eilish

In qualunque modo Billie Eilish decida di presentare la sua voce, lo fa ogni volta con straordinaria abilità. Padroneggia sia gli alti che i bassi estremi, riesce a rendere la sua voce ariosa e tagliente. Fedeli alla loro estetica familiare, Eilish e Finneas hanno immerso la voce della prima in una nebbia densa e incantevole, con diverse produzioni che davano l’impressione di galleggiare nella nebbia. Ma in più occasioni si è invece deciso di mantenere uno spazio chiaro in cui le parole cantate da Billie Eilish risultano più comprensibili che mai (Uccelli di una piuma è un buon esempio). Ancor di più, utilizza il suo strumento come raramente prima, concedendosi prodezze che non hanno nulla a che vedere con l’eterea precisione che la contraddistingue, ma che piuttosto offrono un’interpretazione matura, di gola aperta e piena di forza, senza mai mancare di delicatezza. È un’altra impresa vocale di Billie Eilish, in questo nuovo album.

Estratto di Amore della mia vita

Billie Eilish è rimasta fedele a dieci canzoni e la ringraziamo per questo. Ogni pezzo al suo posto. Niente trabocca. Si abbandona alle follie (L’amore della mia vita, Blue, The Greatest, Bittersuite – pensate a valanghe di sintetizzatori, poi pulsazioni hip-hop, poi bossa nova, nella stessa canzone), ma non complicate ciò che può restare semplice e piacevole (il quasi R&B Chihiroil vero pop Uccelli di una piuma).

Picchiami Duro e morbido è un ascolto prodigiosamente stimolante. Un ascolto che ci rivela, oltre alle confessioni personali più franche che mai dell’artista, che la musica di Billie Eilish (e di Finneas, non dimentichiamolo) è sempre più all’avanguardia, senza limiti e, semplicemente… Sorprendente.

Il giro del mondo Picchiami Duro e morbido di Billie Eilish sarà lanciato il 29 settembre al Videotron Centre in Quebec.

Colpiscimi forte e dolcemente

Pop

Colpiscimi forte e dolcemente

Billie Eilish

Camera oscura/Interscopio

9/10

-

PREV Morte della signora OUEDRAOGO/GBANGOU Guinguiri Bernadette: Grazie e annuncio
NEXT Cosa rivelano le ultime statistiche per la Dordogna?