Alta Saona: gli studenti universitari di Faverney si mettono per un giorno nei panni dei gendarmi

-

Quella mattina, mentre si recavano al Pergaud College di Faverney, i 20 studenti di la classe di difesa e sicurezza globale (CDSG) non potevano immaginare il giorno che li attendeva. Solo avvisati che i gendarmi avrebbero trascorso il giovedì con loro, si sono finalmente trovati a dover risolvere un’indagine, organizzata da diverse settimane dalla polizia. Un modo più divertente per presentare la propria professione e perché no, far sì che questi giovani vogliano entrare nei ranghi della gendarmeria.

Un’indagine da risolvere

Tutto inizia alle 8 del mattino, nel cortile della scuola. La polizia si presenta ai giovani. Uno studente si unisce quindi al gruppo, spiegando che si sente male e che sta aspettando suo padre, che dovrebbe venire a prenderlo ormai da un po’. I giovani e la polizia escono dalla scuola per aspettare insieme il genitore. Poi arriva in lontananza un’auto, apparentemente il veicolo del padre dello studente. Al volante c’è infatti uno sconosciuto, in avanzato stato di ebbrezza. Sotto gli occhi degli studenti, inizialmente incomprensibili, i gendarmi si avanzano per controllarlo. L’uomo rimette in moto l’auto, rifiutandosi di sottoporsi alle domande.

I gendarmi poi lo spiegano ai giovani spetterà a loro risolvere le indagini. Tutto inizia dalla brigata, con la creazione di un ritratto robotico del misterioso autista. Sorgono allora diverse domande. Dov’è il papà del loro amico? Chi è quest’uomo che guidava la sua macchina? L’analisi della targa confermerà che il veicolo non è stato rubato ma appartiene anzi al padre dello studente. L’autista, ubriaco, è stato finalmente ritrovato in macchina, nel cortile dell’antica abbazia di Fontenay, dove lavorava il padre scomparso. Viene riportato alla brigata e messo in una cella che fa riflettere.

Il piccolo gruppo di investigatori si è poi accalcato nel cortile dell’antica abbazia. Laggiù, gli agenti di identificazione criminale li stanno aspettando e insieme ispezionano l’auto. Prodotti utilizzati, tecniche e azioni da adottare… tutto viene spiegato agli studenti. Poi si dividono in più gruppi alla ricerca di indizi, disseminati in tutta l’abbazia, per cercare di capire cosa sia successo al padre del loro amico, e soprattutto perché.

Sono presenti anche gli agenti dell’identificazione criminale per presentare la loro professione ai giovani ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher
Sono presenti anche gli agenti dell'identificazione criminale per presentare la loro professione ai giovani
Sono presenti anche gli agenti dell’identificazione criminale per presentare la loro professione ai giovani ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher

“Voglio fare questo lavoro ancora di più adesso!”

Tutti questi giovani hanno già un desiderio più o meno pronunciato di fare carriera nella gendarmeria. Lola, ad esempio, si gode davvero la giornata, nei panni di un vero investigatore. “Ho appena trovato un indizio! Uno scrigno misterioso al cui interno sembra esserci un tesoro. Mi sto divertendo davvero, è emozionante indagare!” Accanto a lei, la sua compagna di classe Mylane annuisce. “Fin da piccola ho desiderato fare questo lavoro. È davvero bello poter vivere una giornata come loro al 100%”.

Non appena un gruppo trova un indizio, lo scrive su un tabellone installato nel cuore dell’antica abbazia. I giovani stanno attuando un’istruzione molto importante, impartita dalla polizia fin dall’inizio della giornata: “La comunicazione tra voi è molto importante. È insieme che potrete risolvere l’indagine.” Dopo la meritata pausa pranzo, gli studenti sono ripartiti alla ricerca di indizi.

I giovani scoprono una canna da pesca in riva al mare... vero indizio o trappola della polizia?
I giovani scoprono una canna da pesca in riva al mare… vero indizio o trappola della polizia? ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher
Sono i ragazzi a compilare da soli il modulo del sigillo, dopo aver scoperto un indizio, una canna da pesca abbandonata
Sono i ragazzi a compilare da soli il modulo del sigillo, dopo aver scoperto un indizio, una canna da pesca abbandonata ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher

Il padre del loro amico è stato finalmente ritrovato intorno alle 15:30 in una cantina dell’abbazia. Viene poi svelato il movente del rapimento: la vittima è sposata con un giudice. Il principale sospettato, arrestato in mattinata, voleva esercitarle pressioni, tramite il marito, pochi giorni prima di un’importante udienza che riguardava suoi amici.

Presentare la professione del gendarme e favorire le vocazioni

È il secondo anno che un’operazione del genere viene organizzata dai gendarmi dell’Alta Saona. L’anno scorso sono stati gli studenti della scuola media di Jussey a essere chiamati ad aiutare la polizia a risolvere un caso criminale. “L’obiettivo di questi giorni è aprire le porte della gendarmeria, ma aprirle in modo diversospiega il colonnello Thierry Crampé, comandante del gruppo della gendarmeria dell’Alta Saona. Oggi i giovani sono davvero nei panni dei gendarmi e scoprono tutte le sfaccettature della loro professione. Se riusciamo anche a fargli desiderare di diventare un agente di polizia… è perfetto! Il tutto in modo divertente ed educativo.”

FOTO -Investigazione all’interno dell’antica Abbazia di Faverney

I giovani iniziano innanzitutto realizzando un ritratto robotico del sospettato, visto al volante dell'auto della persona scomparsa.
I giovani iniziano innanzitutto realizzando un ritratto robotico del sospettato, visto al volante dell’auto della persona scomparsa. ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher
Il sospettato è stato trovato, viene messo in una cella per far tornare la sbornia davanti agli studenti
Il sospettato è stato trovato, viene messo in una cella per far tornare la sbornia davanti agli studenti ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher
I giovani arrivano nel cortile della vecchia abbazia, dove è stata ritrovata l'auto dell'uomo scomparso
I giovani arrivano nel cortile della vecchia abbazia, dove è stata ritrovata l’auto dell’uomo scomparso ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher
Sono presenti anche gli agenti dell'identificazione criminale per presentare la loro professione ai giovani
Sono presenti anche gli agenti dell’identificazione criminale per presentare la loro professione ai giovani ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher
Sono presenti anche gli agenti dell’identificazione criminale per mostrare ai giovani la loro professione ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher
Per un giorno, 20 studenti del corso di difesa e sicurezza globale di Faverney si sono messi nei panni dei gendarmi
Per un giorno, 20 studenti del corso di difesa e sicurezza globale di Faverney si sono messi nei panni dei gendarmi ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher
Una volta trovati gli indizi, vengono annotati su una lavagna in modo che i gruppi possano vedere i rispettivi progressi.
Una volta trovati gli indizi, vengono annotati su una lavagna in modo che i gruppi possano vedere i rispettivi progressi. ©Radio Francia
Charlotte Schuhmacher

-

PREV Infastidito dagli adolescenti, brucia un parco giochi a Dieppe
NEXT I funzionari della Fed riconoscono i progressi dell’inflazione e rimangono cauti riguardo all’allentamento della politica monetaria