Giornata mondiale dell’accessibilità: secondo uno studio, l’utilizzo di Internet è inferiore dell’11,9% tra i francesi con disabilità

Giornata mondiale dell’accessibilità: secondo uno studio, l’utilizzo di Internet è inferiore dell’11,9% tra i francesi con disabilità
Giornata mondiale dell’accessibilità: secondo uno studio, l’utilizzo di Internet è inferiore dell’11,9% tra i francesi con disabilità
-

Un recente studio di Surfshark rivela che l’utilizzo di Internet tra i residenti nell’UE con accessibilità limitata è inferiore del 17%. % a quello degli altri. In media più di 91 La percentuale di persone senza limitazioni di attività nell’UE utilizza Internet regolarmente, mentre meno del 76 Il % delle persone con varie disabilità lo fa. Il divario tra le persone con limitazioni di attività e quelle senza supera i 15 punti percentuali, pari a 18,9 milioni di persone con disabilità lasciate indietro.

  • La Francia è al 7° postoe classificarsi tra i 25 paesi dell’UE analizzati. In Francia, l’11,9% in meno di persone con limitazioni di attività utilizzano Internet, indicando che il divario nell’uso di Internet è inferiore alla media UE del 17%. L’81% dei residenti francesi con limitazioni di attività utilizza Internet regolarmente, rispetto al 92% dei residenti senza limitazioni.
  • Rispetto alla Germania, che presenta un divario del 14,5 % nell’utilizzo di Internet e si colloca all’8° postoe In classifica, la Francia presenta una disparità minore nell’uso di Internet, con un divario pari a 11,9 %. Ciò colloca la Francia al primo posto in termini di utilizzo di Internet, anche se il divario rimane maggiore rispetto a quello del Belgio, che è al 5e posto con una differenza di 10 %.
  • I paesi con la disparità più bassa tra persone disabili e non disabili in termini di accesso a Internet sono Irlanda, Paesi Bassi e Finlandia, ciascuno con meno di 10 Differenza percentuale nell’uso regolare di Internet. Al contrario, i paesi con il divario maggiore sono Bulgaria, Grecia e Polonia, dove la differenza nell’uso regolare di Internet ammonta a circa il 40%. %.
  • L’inclusività non è una caratteristica dei paesi meno ricchi. Esiste una forte correlazione (0,94) tra la ricchezza di un paese (PIL pro capite) e il divario nell’uso di Internet tra le persone con limitazioni di attività e quelle senza.

Lo afferma Daniel Casas, responsabile dell’accessibilità presso il Forum europeo sulla disabilità Tre ostacoli principali contribuiscono al divario nell’utilizzo di Internet all’interno dell’UE. Il primo è la diffusa inaccessibilità delle piattaforme digitali, con un gran numero di siti web e applicazioni ancora non completamente accessibili alle persone con disabilità. In secondo luogo, la mancanza di sostegno pubblico e il fattore di disparità economica svolgono un ruolo cruciale, poiché le persone con disabilità spesso hanno livelli di reddito più bassi, che limitano il loro accesso a Internet ad alta velocità, alle tecnologie assistive avanzate e ai più recenti dispositivi ICT. In terzo luogo, il tasso di occupazione più basso delle persone con disabilità non influisce solo sul loro status economico, ma riduce anche il loro impegno quotidiano con le tecnologie digitali comunemente utilizzate sul posto di lavoro.

È essenziale riconoscere il divario digitale e comprendere che la vera accessibilità va oltre la semplice connettività. Le nostre osservazioni evidenziano che un PIL robusto non sempre equivale a parità di accesso a Internet per le persone con disabilità. Anche se resta ancora molto da fare, oggi sosteniamo la consapevolezza e il dialogo come passi essenziali verso un panorama digitale inclusivo per tuttiafferma Lina Survila, portavoce di Surfshark.

Informazioni su Surfshark:
Surfshark è una società di sicurezza informatica focalizzata sullo sviluppo di soluzioni di privacy e sicurezza umanizzate. La suite Surfshark One include una delle poche VPN controllate da esperti di sicurezza indipendenti, un antivirus ufficialmente certificato, uno strumento di ricerca privato e un sistema di avviso di perdita di dati. Surfshark è riconosciuta come Editor’s Choice di Tech Advisor per il 2024. Per uno sguardo più approfondito su Surfshark nel 2023, visita la nostra raccolta annuale. Per ulteriori progetti di ricerca, visita il nostro centro di ricerca su: surfshark.com/research

-

PREV Diminuzione significativa dell’area bruciata nel 2023
NEXT Dopo il suo abbandono nel 2017, Palavas-les-Flots potrà vedere tornare le corride nelle sue arene?