Resistenza al test del dollaro USA: USD/JPY, EUR/USD, GBP/USD

-
  • Il dollaro USA si è ripreso con decisione dall’apertura di Tokyo di oggi, dopo aver toccato un minimo a 103,67.
  • Lo Yen è la valuta più forte finora oggi, seguita dal Dollaro USA.
  • Le migliori opportunità che potrebbero crearsi saranno probabilmente operazioni lunghe nelle coppie di valute EUR/USD o GBP/USD.
  • resistenza-al-test-del-dollaro-usa-usd-j

Il dollaro USA è caduto nell’ultima settimana. Questo movimento ribassista ha visto un nuovo minimo stampato poche ore fa a 103,68. Da quando la sessione di Tokyo è iniziata oggi, il dollaro si è ripreso dalle sue perdite, che sono state sostenute dai dati CPI statunitensi inferiori alle attese rilasciati ieri.

L’azione dei prezzi a breve termine sembra rialzista. Tuttavia, si è già imbattuto in una resistenza probabilmente confluente con il numero tondo a 104,00 che sembra essere probabilmente il punto cruciale di oggi.

Se il prezzo riesce a stabilizzarsi al di sopra di 104,00, è probabile che aumenti ulteriormente, facilitando così un buon scambio lungo. In alternativa, se il prezzo continua a respingere la resistenza a 104,00, probabilmente diventerà nuovamente ribassista e riprenderà la caduta precedente.

La tabella seguente mostra che finora l’Euro è stata la valuta principale più forte, mentre il Dollaro neozelandese è stato il più debole. I numeri complessivi sono tuttavia bassi, suggerendo che ciò potrebbe non essere significativo.

Principali variazioni dei prezzi valutari dall'apertura di Tokyo

I dati CPI statunitensi di ieri sono risultati leggermente inferiori alle attese. Sebbene il tasso annualizzato principale sia sceso, come previsto, dal 3,5% al ​​3,4%, la variazione su base mensile è stata solo dello 0,3%, mentre era previsto lo 0,4%. Secondo lo strumento Fedwatch del CME, la previsione di consenso per il taglio iniziale dei tassi è aumentata nella certezza che il primo taglio avverrà alla riunione di novembre della Fed, previsto per circa il 70%.

Le recenti perdite del dollaro statunitense si sono espresse in modo più forte nei confronti dei deboli dollari australiano e neozelandese, ma non credo che ci sia nulla di significativo in questo. Stiamo assistendo a una naturale oscillazione dei prezzi in ripresa, quindi le valute più volatili sono semplicemente le più volatili.

Lo Yen giapponese è la valuta principale più forte, avendo guadagnato oggi contro tutte le valute principali. È l’unica valuta più forte del dollaro USA, il che probabilmente rende ribassiste le prospettive a breve termine per la coppia valutaria USD/JPY, ma il successo di ciò dipenderebbe probabilmente dalla debolezza dello yen e non dalla forza del dollaro.

Il prezzo è ora scambiato al di sopra del supporto, ma si trova in una zona di probabile resistenza, quindi potrebbe avere difficoltà a salire più in alto. Se il prezzo si inverte ribassista rispetto al livello di resistenza di ¥ 155,05, un’apertura breve potrebbe essere una buona idea, poiché anche l’indice del dollaro statunitense sta lottando contemporaneamente contro la resistenza.

Grafico dei prezzi giornalieri USD/JPY 16/05

L’Euro sta mostrando una forza mista oggi. Tuttavia, la situazione tecnica mostrata nel grafico dei prezzi qui sotto sembra certamente rialzista, con il prezzo che è aumentato abbastanza fortemente prima di fare un ritracciamento ribassista oggi. Il prezzo ora si trova semplicemente sulla resistenza e sembra molto probabile che la respinga, il che potrebbe fornire un ottimo segnale di ingresso a lungo termine se otteniamo un buon rimbalzo. I lunghi stoppini inferiori delle recenti candele orarie sono un buon segno che questo lungo scambio sembra probabile che si stabilisca.

Quindi la migliore opportunità nella coppia di valute EUR/USD potrebbe essere un’operazione lunga da $ 1,0872 o anche qualche pip in meno poiché è difficile posizionare con precisione quel livello orizzontale.

Grafico dei prezzi orari EUR/USD 16/05

La sterlina britannica si sta comportando in modo molto simile all’euro, quindi probabilmente sarà preferibile un’operazione lunga. L’opportunità che risalta davvero nel grafico dei prezzi qui sotto per la coppia valutaria GBP/USD è il livello di 1,2647$. Un rimbalzo rialzista qui che rifiuta anche la metà del numero a $ 1,2650 potrebbe essere una buona opportunità per un lungo scambio, soprattutto se l’indice del dollaro statunitense supera il suo livello di resistenza a 104,00.

Effettuerò un’operazione long qui se otterremo un rimbalzo a $ 1,2647 durante la sessione di Londra di oggi. Se invece il prezzo si stabilizzasse al di sotto di tale livello, le prospettive probabilmente si orienterebbero maggiormente verso un consolidamento instabile.

Grafico dei prezzi orari GBP/USD 16/05

Pronto a fare trading con la nostra analisi Forex quotidiana? Abbiamo stilato un elenco dei migliori broker per il trading sul Forex negli Stati Uniti con cui vale la pena fare trading.

-

PREV Il doppio degli stand per la seconda Giornata degli animali a Chartres
NEXT Il fenomeno “Samuel” (Arte): questa fantastica serie a misura di bambino conta già 25 milioni di visualizzazioni