L’inflazione italiana è stata rivista al ribasso ad aprile, allo 0,8% su base annua

L’inflazione italiana è stata rivista al ribasso ad aprile, allo 0,8% su base annua
L’inflazione italiana è stata rivista al ribasso ad aprile, allo 0,8% su base annua
-

L’aumento dei prezzi al consumo italiani è stato rivisto al ribasso allo 0,8% su un anno, contro una stima provvisoria che lo dava allo 0,9%, in netto rallentamento rispetto all’1,2% osservato a marzo, secondo i dati finali diffusi giovedì. L’inflazione ha rallentato a causa del calo più marcato dei prezzi dei prodotti energetici non regolamentati, ha riferito l’Istituto nazionale di statistica (Istat). All’inizio di aprile, la Banca d’Italia ha rivisto al ribasso le sue previsioni sull’inflazione quest’anno, prevedendola ora all’1,3%, rispetto all’1,9% precedente, dopo un aumento dei prezzi del 5,9% nel 2023. L’inflazione in Italia è significativamente inferiore alla media della zona euro , rimasto stabile al 2,4% in aprile.

I prezzi dei prodotti energetici non regolamentati (passati da -10,3% a -13,9%) hanno accelerato la loro caduta mentre i prezzi regolamentati hanno invece rallentato improvvisamente la loro caduta (da -13,8% a -1,3%). Su base annua i prezzi dei servizi legati ai trasporti sono aumentati del 2,7%, dopo il 4,5% di marzo. IL “cestino della casalinga» (prodotti alimentari, pulizia, cura e igiene) hanno visto la loro crescita rallentare, passando dal +2,6% al +2,3%. Su un mese, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,1% in aprile. L’incremento dell’indice d’inflazione calcolato secondo gli standard armonizzati dell’Unione Europea (IPCA) si è attestato ad aprile su un anno allo 0,9%, dopo l’1,2% di marzo.

-

PREV Petrolio: gli incendi vicino alle sabbie bituminose del Canada fanno salire i prezzi
NEXT Guerra a Gaza: l’esercito israeliano annuncia di aver ritrovato e rimpatriato i corpi di tre ostaggi