La giornata internazionale della convivenza in pace in Reunion

La giornata internazionale della convivenza in pace in Reunion
La giornata internazionale della convivenza in pace in Reunion
-

Questo giovedì, 16 maggio, è la Giornata internazionale della convivenza in pace. L’opportunità di celebrare la convivenza a Reunion, una terra dove tutte le culture e religioni sono presenti e si mescolano.

La giornata internazionale della convivenza pacifica è stata istituita nel 2017. Lo scopo di questa giornata è “agire a favore della riconciliazione per contribuire alla pace adottando misure di riconciliazione e di solidarietà e incoraggiando gli esseri umani al perdono e alla compassione, collaborando con le comunità, i leader religiosi e altri soggetti interessati” (secondo le Nazioni Unite). L’Isola della Riunione, con la sua diversità culturale e religiosa, costituisce un esempio in termini di convivenza.

Vivere insieme alla Riunione

Nell’ambito della giornata del 16 maggio, l’associazione Réunion Métis estende il suo progetto Bois de Lettre a 9 comuni dell’isola per una nuova edizione. Obiettivo del progetto è lavorare sulla convivenza nel nostro territorio. “Gli abitanti dell’isola sono invitati a scrivere su una cartolina un bigliettino, un messaggio, un ricordo o un aneddoto” comunica l’associazione. Verranno poi appesi sotto i nove alberi dell’isola di Saint-Benoît a Etang-Salé.

“Al calar della sera, grazie al lavoro scenografico dei padroni di casa, ogni albero sarà illuminato, come tanti auguri per vivere insieme in pace” aggiunge l’associazione Réunion Métis.

Convivere nel mondo

Quest’anno la città di Ginevra ospiterà le celebrazioni della Giornata internazionale del vivere insieme in pace. Si svolgerà al Palazzo delle Nazioni, nell’ambito di una conferenza internazionale dedicata all’educazione alla cultura della pace. Una giornata simbolica è tanto più importante in considerazione dei diversi conflitti che colpiscono diverse popolazioni in tutto il mondo.

“Vivere insieme in pace significa accettare le differenze, ascoltare, mostrare stima, rispetto e riconoscimento verso gli altri e vivere in spirito di pace e armonia.” (ONU)

-

PREV L’inviato speciale del Vaticano partecipa all’inaugurazione del nuovo presidente taiwanese – ZENIT
NEXT Emmanuel Macron ha incontrato i diversi schieramenti politici, compresi i separatisti