l’incendio si avvicina alla città petrolifera di Fort McMurray

l’incendio si avvicina alla città petrolifera di Fort McMurray
l’incendio si avvicina alla città petrolifera di Fort McMurray
-

Mercoledì un potente incendio si è avvicinato alla città petrolifera di Fort McMurray, nel Canada occidentale. Già più di 6.000 residenti sono stati evacuati. Le autorità sperano che le fiamme si spengano presto.

L’immenso incendio che minaccia la città petrolifera di Fort McMurray, nel Canada occidentale, si è intensificato mercoledì 15 maggio, il giorno dopo l’evacuazione di oltre 6.000 residenti, ma le autorità sperano in una piccola tregua nelle prossime ore.

Le dimensioni dell’incendio sono più che raddoppiate in 24 ore, spinte dai forti venti, raggiungendo una superficie di quasi 21.000 ettari e ora si trovano a meno di 4,5 km dalla città. Ma il vento si è calmato e si prevede che sposterà l’incendio lontano dalla città e dall’autostrada, ha detto Christine Tucker dei vigili del fuoco dell’Alberta in una conferenza stampa.

“È molto favorevole per noi”, ha detto. Ma le autorità hanno invitato i residenti a vigilare poiché le condizioni potrebbero “deteriorarsi rapidamente”.

Situato in Alberta (ovest), Fort McMurray è conosciuto come il punto caldo per la produzione petrolifera canadese. Questa città di 70.000 abitanti è anche il simbolo del più grande disastro naturale nella storia del Paese, in termini di distruzione, dopo essere stata parzialmente devastata dalle fiamme nel 2016.

“Paura” e “incertezza”

Martedì sono stati evacuati quattro quartieri meridionali della città e l’intera città è in allerta. Molti negozi sono chiusi, così come alcune scuole, e l’odore di fumo ha invaso l’intera città.

Con l’AFP

Per saperne di più su FRANCIA 24

Leggi anche:
Quebec: il riscaldamento globale crea condizioni molto più favorevoli agli incendi
Gli incendi stanno guadagnando terreno nel Canada occidentale, dove migliaia di residenti sono stati evacuati
Nelle immagini: megaincendi in Canada, corsa contro il tempo per evacuare parte dell’estremo Nord

-

PREV le famiglie delle vittime di una sparatoria di massa in Texas attaccano Meta e Activision
NEXT La rivolta di François-Xavier Bellamy di fronte al duello Attal/Bardella dimostra che il 2027 è tutt’altro che finito (a patto che la destra sappia rinunciare alle proprie illusioni…)