Tentato omicidio del primo ministro slovacco, in condizioni “critiche”.

Tentato omicidio del primo ministro slovacco, in condizioni “critiche”.
Tentato omicidio del primo ministro slovacco, in condizioni “critiche”.
-

Il primo ministro slovacco Robert Fico, in condizioni “critiche” dopo essere stato ferito mercoledì da diversi proiettili, è stato sottoposto a un intervento chirurgico che è andato bene, ha detto un membro del governo del paese dell’Europa centrale.

“Penso che alla fine sopravvivrà”, ha detto alla BBC il vice primo ministro Tomas Taraba, secondo il quale l’intervento è andato bene. “Al momento non si trova in una situazione che minaccia la sua sopravvivenza”, ha aggiunto.

In precedenza, il ministro dell’Interno Matus Sutaj Estok aveva dichiarato, in una conferenza stampa, di essere stato informato dai medici che il primo ministro era “in condizioni critiche”.

Robert Fico, 59 anni, è stato evacuato in elicottero a Banska Bystrica, una città nella Slovacchia centrale, ha detto il governo in una nota.

Secondo il ministro della Difesa Robert Kaliniak, recatosi all’ospedale dove è stato operato il primo ministro, questo attacco è “un attacco politico” al quale dobbiamo “reagire di conseguenza”.

La televisione slovacca ha trasmesso le immagini di un uomo in jeans ammanettato a terra. La persona detenuta e sospettata è un uomo di 71 anni del centro del Paese, identificato dai media slovacchi come uno scrittore locale.

“Penso di poterlo confermare, sì”, ha risposto il ministro dell’Interno Matus Sutaj Estok ai giornalisti che lo hanno interrogato sull’identità dell’assassino.

Il figlio del sospettato ha detto al sito di notizie aktuality.sk che suo padre aveva un’arma da fuoco legalmente registrata. Alla domanda sui sentimenti di suo padre nei confronti di Robert Fico, ha risposto: “Ti dirò una cosa: non ha votato per lui. Questo è tutto quello che posso dire”.

Il signor Fico è stato colpito “diverse volte”, secondo la sua pagina Facebook ufficiale. Il tentato omicidio è avvenuto dopo una riunione di gabinetto a Handlova, nella Slovacchia centrale.

“La polizia ha arrestato l’aggressore e fornirà maggiori informazioni al più presto possibile”, ha annunciato in un comunicato anche la presidente uscente della Slovacchia, Zuzana Caputova, definendo l’aggressione al suo avversario politico come un “attacco contro la democrazia”.

– Un ex comunista pro-Putin –

Dopo essere tornato al potere come primo ministro in ottobre, Robert Fico ha messo in dubbio la sovranità dell’Ucraina e ha interrotto tutti gli aiuti militari al paese.

Questo ex membro del Partito comunista, che ha fondato il proprio partito e rifiuta le etichette di “populista” e “demagogo”, si è opposto alle sanzioni contro la Russia.

In aprile ha tuttavia cambiato tono riguardo alla guerra in Ucraina, sostenendo una soluzione pacifica che rispetti “l’integrità territoriale” di questo paese.

Il suo alleato di governo, Peter Pellegrini, ha vinto le elezioni presidenziali il mese scorso, ben davanti a un diplomatico filoeuropeo, facendo della guerra in Ucraina un elemento chiave della campagna elettorale di questo paese di 5,4 milioni di abitanti, membro dell’Unione Europea. e NATO.

La sua coalizione di governo ha in particolare adottato un controverso disegno di legge sulla radiotelevisione pubblica RTVS che il governo accusa di mancanza di obiettività

– Forte emozione in Europa –

I vertici delle istituzioni dell’Unione Europea hanno reagito con forza alla notizia.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha deplorato lo “spregevole attacco” contro il primo ministro slovacco, giudicando che “tali atti di violenza non hanno posto nella nostra società e minano la democrazia, il nostro bene comune più prezioso”.

“Niente potrà mai giustificare la violenza o tali attacchi”, ha sottolineato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, mentre il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, si è dichiarato “costernato”.

In Ungheria, che confina con la Slovacchia, il primo ministro Viktor Orban si è detto “profondamente scioccato dall’atroce attacco perpetrato contro il mio amico, il primo ministro Robert Fico”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha denunciato lo “spaventoso” attacco al primo ministro slovacco. E il presidente russo Vladimir Putin ha parlato di “crimine odioso”, definendo Robert Fico “un uomo coraggioso e determinato”.

Il presidente francese Emmanuel Macron si è detto “scioccato dagli spari che hanno colpito il primo ministro slovacco” e ha espresso la sua “solidarietà” al popolo slovacco.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, dal canto suo, si è detto “sconvolto dall’attacco codardo” perché “la violenza non può avere posto nella politica europea”.

Il capo del governo italiano Giorgia Meloni ha espresso “la più forte condanna di ogni forma di violenza e di attacco ai principi fondamentali della democrazia e della libertà”. E il primo ministro britannico Rishi Sunak si è detto “scioccato nel sentire questa notizia spaventosa”.

Infine, il presidente americano Joe Biden ha condannato uno “spregevole atto di violenza”, aggiungendo che lui e sua moglie Jill “hanno pensato alla sua famiglia e al popolo slovacco”.

-

PREV Donald Trump parla di “Reich unificato”, protesta tra i democratici – rts.ch
NEXT La polizia fa appello alla ricerca di testimoni due anni e mezzo dopo l’omicidio del ciclista spagnolo