Knicks 121, Pacers 91: “Questa squadra ha trasformato mia nonna di 94 anni in una tifosa”

Knicks 121, Pacers 91: “Questa squadra ha trasformato mia nonna di 94 anni in una tifosa”
Knicks 121, Pacers 91: “Questa squadra ha trasformato mia nonna di 94 anni in una tifosa”
-

Ero pienamente consapevole di ciò che stavano giocando i Knicks per molto tempo prima che un piccolo messaggio comparisse nella mia timeline per ricordarmelo.

“I Knicks [are] a una vittoria dalla loro prima apparizione alle finali della Eastern Conference dal 2000.

Dal 2000. Quanto è pazzesco? Non più folle del fatto che lo fosse New York così vicino per arrivare all’ECF 11 anni fa… quando un certo Roy Hibbert, membro di tutte le squadre degli Indiana Pacers, li negò.

Non più folle del fatto che New York prenotò un viaggio all’ECF per l’ultima volta esattamente 24 anni fa… quando un certo Reggie Miller, membro di tutte le squadre degli Indiana Pacers, li portò lì.

Non più folle di quei Knicks del 2000 che vinsero esattamente 50 partite Anno 2000 stagione regolare… e i Knicks del ’24 replicano esattamente lo stesso risultato quest’anno.

Sì, i Knicks finirono per perdere le finali della Conference 2000 contro i Pacers. Sì, i Knicks (probabilmente) finiscono per perdere le finali della Conference 2024 contro (molto probabilmente) i Celtics. Paralleli, vero? Quanto sono stupidi…

Eppure anche allora, in un’eventuale sconfitta dell’ECF, sia che si presenti sotto forma di una vittoria o di una dura battaglia di sette partite contro i Celtics e il BMM, e nel bene o nel male del futuro dell’organizzazione dei New York Knicks.. come non amare questa squadra? Come non amare questo fedele? Questa tifoseria? Questa arena del Madison Square Garden?

Dai un’occhiata alla sezione commenti del thread di Game 5 e troverai jacoop scrivendo uno dei tanti post che fanno eco allo stesso sentimento più profondo. Ciò che questa dannata squadra sta facendo per ogni fan dei Knicks e per le loro madri (e nonne) è semplicemente follemente delizioso.

“Mia nonna di 94 anni mi ha appena chiamato per parlare del gioco”, ha scritto Jacoop. “Questa squadra l’ha trasformata in una tifosa.”

Davvero.


Se sei uno di quelli che pensano che questa postseason dei Knicks sia un “colpo di fortuna”, beh, lascia che ti dica che quello che è stato un colpo di fortuna è stato il massacro di domenica pomeriggio.

Tanto che per un motivo o per l’altro la vita mi ha ostacolato e non ho potuto scrivere un riassunto della partita (non ho controllato ma direi che qui a P&T non ne abbiamo persi più di quattro o cinque dall’inizio della campagna in ottobre, solo per il concorso) lunedì.

Domenica, i Pacers hanno segnato 121 punti e hanno permesso ai Knicks (“i Knicks”) di segnarne 89. Martedì, i Knicks hanno segnato 121 punti e hanno limitato i Pacers a 91.

91.

L’Indiana non aveva segnato meno di 92 punti durante tutto l’anno, incluse le partite di stagione regolare e post-stagionale. Hanno raggiunto quella cifra nella sconfitta al primo turno contro i Bucks martedì 30 aprile. Prima di allora, erano limitati a 94 una volta dagli stessi Bucks in Gara 1, e a 99 in una partita di fine marzo a Chicago. Questo è tutto, questo è il conteggio.

Mai 91. Fino a quando non hanno incontrato i veri, non i casuali, New York Knicks al Garden martedì.

Sai cosa ti dice che i Knicks hanno giocato a basket con i Knicks e hanno impedito ai Pacers di giocare a basket con i Pacers?

DiVincenzo riceve il trattamento Jomboy.

Alec Burks e I-Hart mettono le mani sul collo di Isaiah Jackson dell’Indiana nel modo più irrispettoso in assoluto, “Non do due F, chi sei” per difendere un compagno di squadra.

Isaiah Hartenstein afferra più rimbalzi offensivi (12) di tutti i giocatori tranne otto che portano altri nomi ad abbellire un campo in legno duro poiché la L è la L. Sono passati 30 anni dall’ultima volta che un giocatore dei Knicks lo ha fatto. Vai a capire.

E infine, per gli oppositori e gli odiatori, voglio concludere il discorso di oggi menzionando una piccola sfera di magnificenza chiamata Jalen Brunson. Settimo giocatore nella storia della NBA con più di 5 partite da 40 punti in una singola postseason. Non ho nemmeno bisogno di digitare il nome completo degli altri: LeBron, Jordan, Iverson, King, Hakeem e Shaquille.

Ora, sarò gentile e permetterò a te (gli odiatori là fuori) di scegliere il tuo nome (veleno) preferito aggiungendo il nome di JB alla lista. Preferiresti usare Jalen o Brunson? Non mi arrabbierò neanche io.

Knicks all’Indiana. Venerdì. Knicks in sei.

Forza Knicks!

-

PREV Il cane April di Little Egg Harbor, NJ, ha bisogno di un’adozione urgente e salvavita
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez