Prezzo dell’oro in rialzo grazie al calo del dollaro e dei rendimenti

Prezzo dell’oro in rialzo grazie al calo del dollaro e dei rendimenti
Prezzo dell’oro in rialzo grazie al calo del dollaro e dei rendimenti
-

I prezzi dell’oro sono aumentati leggermente giovedì, sostenuti da un dollaro più debole e da rendimenti del Tesoro più bassi dopo che i dati hanno segnalato un rallentamento dell’inflazione negli Stati Uniti, che ha rafforzato le scommesse per un taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

FONDAMENTALI

* L’oro spot è cresciuto dello 0,3% a 2.393,21 dollari l’oncia, alle 0043 GMT. Mercoledì i prezzi dei lingotti sono aumentati dell’1%.

* I futures sull’oro statunitense sono aumentati dello 0,1% a 2.397,60 dollari.

* Il dollaro è sceso dello 0,2% rispetto a un paniere di altre principali valute, rendendo l’oro più attraente per i detentori di altre valute. I rendimenti dei titoli del Tesoro a 10 anni sono scesi al livello più basso da più di un mese.

* L’IPC statunitense è aumentato dello 0,3% il mese scorso dopo essere salito dello 0,4% a marzo e febbraio, suggerendo che l’inflazione ha ripreso la sua tendenza al ribasso all’inizio del secondo trimestre, alimentando le aspettative dei mercati finanziari per una riduzione dei tassi di interesse a settembre.

* I politici della Federal Reserve, che aspettano di vedere ulteriori progressi sull’inflazione prima di tagliare i costi di finanziamento, hanno ricevuto mercoledì dati incoraggianti, con un rapporto governativo che mostra che l’inflazione è leggermente scesa ad aprile.

* Tassi di interesse più bassi riducono il costo opportunità di detenere oro senza rendimento.

* Il presidente della Federal Reserve di Chicago, Austan Goolsbee, si è detto ottimista sul fatto che l’inflazione continuerà a diminuire.

* L’escalation della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina sembra inevitabile, indipendentemente da chi vincerà la Casa Bianca a novembre, ma le altrettanto inevitabili pressioni inflazionistiche che ne deriveranno non spingeranno automaticamente la Federal Reserve ad adottare una politica più espansiva.

* Secondo i dati governativi, il deficit commerciale dell’India ad aprile è stato maggiore del previsto, a causa del calo delle esportazioni e dell’aumento delle importazioni di oro.

* I mercati azionari di tutto il mondo stanno toccando nuovi massimi, spinti dal rinnovato ottimismo riguardo al fatto che la Federal Reserve inizierà presto a tagliare i tassi di interesse statunitensi.

* Le opzioni del gruppo BHP per perseguire la società mineraria rivale Anglo American includono l’ammorbidimento dell’offerta di acquisizione da 42,7 miliardi di dollari, la presentazione di un’offerta ostile o l’abbandono per ora, alla scadenza del 22 maggio per presentare un’offerta vincolante si avvicina.

* L’argento spot è rimasto invariato a 29,71 dollari l’oncia, il platino è salito dello 0,5% a 1.069,45 dollari e il palladio ha guadagnato lo 0,3% a 1.012,84 dollari.

DATI/EVENTI (GMT) 1230 Numero di nuove costruzioni di nuove costruzioni negli Stati Uniti aprile 1230 Prezzi di importazione su base annua aprile 1230 Disoccupazione iniziale settimanale negli Stati Uniti 1230 Indice aziendale della Fed di Philadelphia maggio 1315 Produzione industriale negli Stati Uniti MM aprile (reporting di Sherin Elizabeth Varghese a Bengaluru; editing di Sherry Jacob-Phillips )

-

PREV “La voce e il volto di Marsiglia”, ma anche un lato oscuro
NEXT Una partenza diventa chiara dopo l’ultimo giorno