Morte di Jenique Dalcourt nel 2014: Mcduff-Jalbert accusato di omicidio di primo grado

Morte di Jenique Dalcourt nel 2014: Mcduff-Jalbert accusato di omicidio di primo grado
Morte di Jenique Dalcourt nel 2014: Mcduff-Jalbert accusato di omicidio di primo grado
-

LONGUEUIL, Qc – Un sospettato è comparso mercoledì in tribunale per l’omicidio di una giovane donna commesso quasi dieci anni fa a Longueuil, sulla costa sud di Montreal.

Michael Mcduff-Jalbert è stato arrestato martedì e accusato di omicidio di primo grado per la morte di Jenique Dalcourt, 23 anni, colpita e uccisa con una sbarra di ferro mentre camminava lungo una pista ciclabile a Longueuil, il 21 ottobre 2014.

Il sospettato, che all’epoca aveva 26 anni, fu arrestato pochi giorni dopo l’omicidio, ma fu rilasciato prima di comparire in tribunale. Nessuna accusa è stata mossa contro di lui per mancanza di prove sufficienti.

Mercoledì, durante una conferenza stampa, l’ispettore capo della polizia di Longuille Pierre Duquette ha ringraziato gli esperti del laboratorio forense della provincia per il loro aiuto.

“Metodi specifici nel campo della scienza forense ci hanno permesso di progredire in questa indagine e di ottenere ulteriori elementi”, ha detto, aggiungendo che le nuove informazioni hanno permesso di sporgere denuncia contro il sospettato.

“La nostra priorità è sempre stata quella di cercare la verità su questa questione per offrire risposte alla famiglia di Jenique, per consentire loro di iniziare il processo di elaborazione del lutto”, ha sottolineato il signor Duquette, assicurando che la risoluzione di questa questione rientra nelle priorità dell’agglomerato di Longueuil Servizio di Polizia (SPAL) “dall’inizio”.

Ha anche ringraziato i genitori di Jenique Dalcourt, sua madre Monique Dalcourt e suo padre John Gandolfo, per la resilienza che hanno dimostrato negli ultimi anni.

Il padre della vittima, John Gandolfo, ha detto ai giornalisti fuori dall’aula che, nonostante l’omicidio di sua figlia e la lunga attesa per le risposte, l’arresto di Mcduff-Jalbert ha portato un po’ di sollievo alla famiglia.

“Gli investigatori sul caso di omicidio non si sono mai arresi”, ha detto Gandolfo. Niente riporterà indietro Jenique, ma permetterà alla nostra famiglia di andare avanti”.

Al momento dell’arresto iniziale di Mcduff-Jalbert, la polizia di Longueuil affermò che il sospettato aveva agito da solo per un motivo che non era stato rivelato.

Il direttore del procedimento penale e penale (DPCP) ha esaminato nuovamente la questione nel 2015, ma ancora una volta non è stata mossa alcuna accusa contro il sospettato per mancanza di prove.

Al fine di tutelare l’iter giudiziario, la SPAL non ha voluto commentare la natura dei nuovi elementi che hanno consentito al DPCP di sporgere denuncia in questo caso, a più di nove anni dai fatti.

Michael Mcduff-Jalbert ha ora 35 anni.

-

PREV “Ho avuto una paura terribile”, testimonia Michel, vittima di un incidente in moto, per evitare nuove tragedie
NEXT L’inflazione sta sconvolgendo la percezione degli americani della vita della classe media