Chiusura record tripla a Wall Street per gli indici mentre l’inflazione rallenta – 15/05/2024 alle 22:29

Chiusura record tripla a Wall Street per gli indici mentre l’inflazione rallenta – 15/05/2024 alle 22:29
Chiusura record tripla a Wall Street per gli indici mentre l’inflazione rallenta – 15/05/2024 alle 22:29
-

Un operatore della Borsa di New York (AFP/ANGELA WEISS)

I tre principali indici della Borsa di New York hanno battuto i record mercoledì alla chiusura, celebrando l’inflazione che ha rallentato leggermente negli Stati Uniti ad aprile, ripristinando la fiducia nei futuri tagli dei tassi.

L’indice Dow Jones ha guadagnato lo 0,88% a 39.908 punti e l’S&P 500 è salito dell’1,17% a 5.308,15 punti, superando i record di fine marzo. Il Nasdaq, a predominanza tecnologica, dopo il picco del giorno prima, è balzato nuovamente dell’1,40% a 16.742,39 punti.

“Ciò è dovuto alle buone notizie sull’inflazione, che è risultata migliore del previsto, addirittura è scesa poco più di un anno”, ha commentato Peter Cardillo di Spartan Capital.

L’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti (CPI) ad aprile si è rivelato più debole del previsto attestandosi al +0,3% rispetto al +0,4% previsto dagli analisti.

Nel corso dei dodici mesi, l’inflazione è scesa al 3,4% dal 3,5%, segnalando il primo calo da gennaio.

I rendimenti obbligazionari hanno reagito crollando al 4,34% per il titolo decennale rispetto al 4,43% del giorno prima, il più basso in un mese.

La prospettiva di un taglio dei tassi da parte della Federal Reserve americana (Fed) quest’anno è stata rafforzata da questo rallentamento degli aumenti dei prezzi, che ha fatto crollare il dollaro dello 0,66% rispetto alle principali valute intorno alle 20:00 GMT.

Un altro fattore che ha aiutato i titoli azionari è stato “il fatto che le vendite al dettaglio sono state più deboli del previsto”, ha osservato Cardillo.

“Ciò indica che il consumatore inizia a sentire il costo aggiuntivo degli alti tassi di interesse. Se il consumatore riduce la propria spesa, ciò dovrebbe aiutare a frenare l’inflazione”, ha spiegato l’analista.

Le vendite al dettaglio sono rimaste stagnanti in aprile, mentre gli analisti prevedevano un aumento dello 0,4%.

“Se avremo ancora uno o due mesi di buone notizie sul fronte dell’inflazione, la Fed sarà in grado di ridurre i tassi di interesse almeno una volta, forse due volte quest’anno”, ha affermato Cardillo.

In borsa, la frenesia speculativa sulle azioni virali dei negozi di videogiochi GameStop e dei cinema AMC si è sgonfiata dopo tre giorni: GameStop è crollato del 18,79% a 39,59 dollari e AMC ha perso il 20% a 5,48 dollari dopo spettacolari impennate in cui le azioni sono quasi raddoppiate.

Il gruppo informatico Dell ha guadagnato l’11,23% a 149 dollari mentre la stampa specializzata ha riportato una presentazione interna del suo nuovo portatile dotato di microprocessore Qualcomm (+2,98%) che appare più economico e meno dispendioso in termini energetici di quelli del suo rivale Intel (+0,71). %).

Alla festa ha partecipato l’intero settore dei semiconduttori, a cominciare da Nvidia (+3,58% a 946,30 dollari), AMD (+4,25%) e Taiwan Semiconductor Manufacturing (+2,36%).

I grandi nomi della tecnologia hanno attirato acquisti come Apple (+1,22%), Alphabet (+1,13%) e Microsoft (+1,75%).

Boeing ha perso il 2,03% mentre il produttore di aerei è stato criticato dal governo americano per non aver rispettato le condizioni di un accordo che prevedeva di evitare procedimenti giudiziari dopo due incidenti mortali del suo 737 MAX 8 pochi mesi prima delle differenze nel 2018 e nel 2019.

Il produttore cinese di veicoli elettrici Nio, anch’esso quotato a Wall Street, è crollato dell’8%. Con il marchio Onvo, il gruppo ha lanciato in Cina il suo primo veicolo entry-level destinato a competere con la Model Y di Tesla, mentre martedì l’amministrazione americana ha introdotto nuovi dazi doganali sulle importazioni di veicoli elettrici cinesi.

La banca regionale New York Community Bancorp ha perso il 5,66% a 3,66 dollari.

La NYCB, che supervisiona la banca ipotecaria Flagstar, è stata salvata a marzo, ha annunciato che avrebbe venduto 5 miliardi di dollari di prestiti in sospeso a JPMorgan per ridurre il proprio bilancio.

McDonald’s guadagna l’1,21% dopo aver annunciato che testerà un pasto da cinque dollari per un mese per riconquistare quote di mercato.

Nasdaq

-

PREV Frouzin. La scommessa vinta dalla boxe inglese a Latapie
NEXT L’astrologia prevede davvero il futuro o è solo una coincidenza?