Giornata mondiale della sensibilizzazione sul tasso, una specie selvatica la cui caccia è controversa

Giornata mondiale della sensibilizzazione sul tasso, una specie selvatica la cui caccia è controversa
Giornata mondiale della sensibilizzazione sul tasso, una specie selvatica la cui caccia è controversa
-

Questo 15 maggio è la Giornata mondiale del tasso, un animale selvatico cacciato dalle federazioni durante una pratica chiamata caccia sotterranea. La richiesta di prolungamento dei periodi di caccia dà luogo ad autorizzazioni con decreti prefettizi, che vengono poi sanzionate in tribunale, nel Limosino come altrove in Francia.

Se una giornata mondiale è dedicata al tasso, secondo l’Associazione per la Protezione degli Animali Selvatici (ASPAS) che l’ha promossa, è per approfondire la conoscenza di questo mammifero, il mustelide più grande della Francia. È altresì “Per attenti alla crudeltà di scavare”, chiamata caccia sotterranea.

Se il periodo di caccia inizia ufficialmente il 15 settembre e si prolunga fino al 15 gennaio, i cacciatori chiedono sistematicamente l’autorizzazione prefettizia per anticiparlo al 15 maggio.

In ogni dipartimento, centinaia di tassi, adulti e giovani, vengono uccisi durante queste giornate di apertura e prolungamento della caccia, autorizzate sistematicamente dalle Prefetture.

Questa caccia e il suo prolungamento sono da due anni davanti ai tribunali amministrativi su richiesta di due associazioni per la difesa degli animali selvatici: One Voice e ASPAS.

Tali ordinanze sono sanzionate dal giudice amministrativo in numerosi dipartimenti: Orne, Somme, Ile et Vilaine, Vienne, Ain, Loire et Cher, Meurthe et Moselle, Allier, Cantal, Nièvre, Aube, Tarn, Loire-Atlantique, Haute-Vienne. .. sulla base del fatto che nelle tane si possono ancora trovare tassi nati in primavera e non ancora autonomi al 15 maggio.

Tuttavia è illegale, e il Consiglio di Stato, la massima giurisdizione amministrativa, lo ha ricordato in una sentenza del 28 luglio 2022, uccidere i piccoli non svezzati di una specie classificata come cacciabile.

Anche molti paesi europei hanno abbandonato questa pratica di dissotterrare i tassi.

Guarda il rapporto dal punto di vista dei cacciatori, discutendo in particolare del fatto che “il tasso è un vettore della tubercolosi bovina”, contestato dalle associazioni.




durata del video: 00h01mn46s

15 maggio: Giornata mondiale del tasso per sensibilizzare sulla caccia al tasso denunciata dalle associazioni di tutela della fauna selvatica



©Francia 3 Limousin Martial Codet-Boisse Pascal Coussy Philippe Ruisseaux

Il mammifero impagliato funge da emblema all’ingresso della Maison de la Nature della Federazione di Caccia dell’Haute-Vienne a Limoges. In occasione della Giornata mondiale del tasso, i cacciatori dell’Alta Vienne si mobilitano per difendere la loro pratica di dissotterrare questo mammifero.

Per Natacha Poirier, portavoce della Federazione della Caccia dell’Haute-Vienne: “è un animale che non ha predatori e che va regolamentato.

È un animale che provoca danni soprattutto all’agricoltura, distrugge i campi di mais e attacca il bestiame.

Natacha Poirier

Addetto alle comunicazioni della Federazione Caccia 87

Per le associazioni, “lLa realtà dei danni lamentati dalle federazioni venatorie e dalle prefetture su cui fondare i decreti non viene mai dimostrata, nemmeno davanti ai giudici amministrativi. Lo stesso vale per la stima delle popolazioni di tasso, non vengono comunicati dati numerici. risponde Nicolas Yahyaoui, avvocato dell’associazione One Voice.

Ma ciò che viene denunciato soprattutto, come hanno fatto anche le associazioni animaliste a Limoges domenica scorsa, 12 maggio, è la tecnica di questa caccia, lo scavo, pratica considerata crudele:

È una caccia che si svolge nell’arco di diverse ore, perché l’obiettivo è raggiungere la tana del tasso sotto terra, gli adulti e i piccoli indistintamente vengono poi catturati con le pinze e poi finiti a calci o a picconi o con il fucile… qualunque cosa ci sia a portata di mano giorno.

Martina

Membro dell’associazione “One Voice”.

Per il GMHL, Gruppo Mammalogico ed Erpetologico del Limosino, va ricordato che il tasso è una specie elencata nella Convenzione di Berna (1979).

La Convenzione di Berna vieta la caccia ai giovani non ancora indipendenti, come nel caso dei giovani tassi nati intorno al 15 aprile. Un mese dopo non sono ancora svezzati.

Gabriel Metegnier

Direttore del Gruppo Mammalogico ed Erpetologico del Limosino

È anche un intero ecosistema che soffre, secondo le associazioni, di questa caccia sotterranea, perché l’habitat del tasso è quello di altre specie protette. Questa giornata mondiale è anche l’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica su tutti i benefici che il tasso apporta al suo ambiente. I loro complessi comportamenti di gioco e la cura collettiva dei piccoli sono ancora oggetto di studio.

-

PREV Clima: le compagnie petrolifere si stanno rivolgendo ai minerali, e questo non è un buon segno
NEXT Megalopoli ancora più forte di Deadpool: alla proiezione del film a Cannes è accaduta una cosa divertente! – Notizie sul cinema