Tommy Richman, il “bambino da un milione di dollari”

Tommy Richman, il “bambino da un milione di dollari”
Tommy Richman, il “bambino da un milione di dollari”
-

Ogni giorno Radio Nova punta i riflettori su un titolo. Oggi: “Million Dollar Baby” di Tommy Richman.

In redazione abbiamo quasi esitato a prendere un’auto sospesa per ascoltare dal vivo “Million Dollar Baby” (non è vero, non è passato dalle porte dei nostri uffici, non ne valeva la pena). Sia nel suo flusso che nel suo video musicale, la canzone di Tommy Richman ci riporta ai primi anni 2000. Pubblicato il 26 aprile, su ISO Supremacy e PULSE Records, il titolo ha tutte le caratteristiche di un successo. Quelli che sembrano familiari, forse perché sono destinati a diventarlo.

La voce disinvolta e il groove funky di Richman sono innegabilmente inebrianti, si potrebbe addirittura definire contagiosi: basti vedere la velocità con cui “Million Dollar Baby” si sta diffondendo sui social network. TikTok, Instagram & Co sono riusciti a portare questo gioiellino nelle prime posizioni, al punto da fargli concorrenza Euforia di Kendrick Lamar.

Qui niente a che vedere con il film di Clint Eastwood. Senza montante e ring di boxe, Tommy Richman descrive dettagliatamente la tensione di una relazione romantica.

“Do it, baby, do what I should think / 
Do it, do it, baby, do what I could think"

Questa frase inquietante si ripete come un mantra, con il quale Richman si convince a rimanere fedele a se stesso nonostante la sua ascesa. Ma niente panico, i dubbi non hanno visto attraverso le sue zanne. Tommy Richman conosce il suo valore:

"Cause I wanna make it, so badly /
I'm a million dollar baby"

“Baby” perché uscito direttamente da TikTok, Tommy Richman ha colto tutti di sorpresa. Firmare con ISO Supremacy all’età di 24 anni è stato solo il primo passo. In seguito avrebbe aperto per Brent Faiyaz durante il suo “Fuck the World, It’s a Wastleand Tour”. Oggi aspettiamo solo di vedere le nuove gemme che ha in serbo per noi.

-

PREV Formula 1 2025 | Esteban Ocon sotto pressione massima all’Alpine e più vicino che mai alla Haas
NEXT CDPQ ricorda il pericolo mortale rappresentato dai brani REM