USA/petrolio: calo maggiore del previsto per le scorte di greggio

USA/petrolio: calo maggiore del previsto per le scorte di greggio
USA/petrolio: calo maggiore del previsto per le scorte di greggio
-

New York (awp/afp) – Le scorte commerciali di petrolio greggio si sono contratte di 2,5 milioni di barili la scorsa settimana, molto più del previsto, secondo i dati diffusi mercoledì dalla Financial Information Agency americana (EIA), un cambiamento legato all’attività americana raffinerie.

Gli analisti si aspettavano un calo di 600.000 barili durante la settimana terminata il 10 maggio, secondo un consensus pubblicato dall’agenzia Bloomberg.

Questo calo più marcato del previsto si spiega, in parte, con l’accelerazione delle raffinerie americane, le cui capacità sono state utilizzate al 90,4%, rispetto all’88,5% del periodo precedente.

Il tasso di raffineria è il più alto in quattro mesi.

L’EIA ha registrato anche un leggero rafforzamento della domanda di benzina, con un aumento dello 0,9% su una settimana nei prodotti consegnati al mercato americano.

Il movimento è stato decisamente più marcato per il cherosene (+9,8%) e i prodotti distillati (sempre +9,8%), categoria in cui rientra il gasolio.

Le scorte di benzina sono diminuite di 200.000 barili durante la settimana, mentre gli analisti prevedevano un aumento di un milione di barili.

Il governo ha continuato a ricostituire le riserve strategiche di petrolio greggio (SPR), che sono aumentate per la 22esima settimana consecutiva. Ora sono al livello più alto in quasi 13 mesi.

Durante la settimana terminata il 10 maggio, la produzione statunitense è rimasta invariata a 13,1 milioni di barili al giorno.

I prezzi dell’oro nero hanno reagito poco a questa pubblicazione. Intorno alle 16:05 GMT, il prezzo del barile di American West Texas Intermediate (WTI) è aumentato dello 0,24%, a 78,21 dollari.

afp/rp

-

PREV Prezzi del biologico – 9 marchi al vaglio – News
NEXT accusata di omicidio dopo aver iniettato insulina al suo partner –