Braga: L’APM Excellence Award assegnato all’Agenzia Bayt Mal Al-Quds Acharif

Braga: L’APM Excellence Award assegnato all’Agenzia Bayt Mal Al-Quds Acharif
Braga: L’APM Excellence Award assegnato all’Agenzia Bayt Mal Al-Quds Acharif
-

Mercoledì 15 maggio 2024 alle 19:09

Braga – La 18ª Sessione Plenaria dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo (PAM) ha assegnato, mercoledì a Braga (Portogallo), il Premio Eccellenza PAM all’Agenzia Bayt Mal Al-Quds Acharif, braccio esecutivo del Comitato Al-Quds, presieduto da Sua Maestà il Re Mohammed VI.

Questo premio costituisce un riconoscimento dei preziosi servizi e degli sforzi compiuti dall’Agenzia Bayt Mal Al-Quds Acharif a favore di una concreta azione umanitaria e sociale sul campo, che va di pari passo con il processo politico e legale della causa palestinese, in cui La diplomazia marocchina, sotto la guida di Sua Maestà il Re, svolge un ruolo di leadership e umanitario riconosciuto per la sua costanza e la nobiltà dei suoi obiettivi.

Questo riconoscimento è stato assegnato a margine dei lavori della XVIII Sessione Plenaria dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo (PAM), presieduta dal Presidente della Camera dei Consiglieri, Enaam Mayara, nella sua qualità di presidente di questa organizzazione parlamentare regionale.

Questa iniziativa rientra nel contributo del Regno del Marocco, sotto la guida illuminata di Sua Maestà il Re Mohammed VI, alla costruzione di ponti di comprensione tra i popoli della regione euro-mediterranea, attraverso la promozione dei valori del rispetto reciproco, della convivenza , cooperazione e solidarietà.

Il Premio Eccellenza sarà consegnato all’Agenzia durante la seconda edizione del Forum Economico Parlamentare di Marrakech, che sarà organizzato dalla Camera dei Consiglieri del Regno del Marocco e dall’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo (APM), l’11 e 12 luglio nella città ocra.

I lavori della 18ª sessione plenaria dell’APM si sono aperti mercoledì a Braga, sotto la presidenza del Sig. Mayara, alla presenza del presidente portoghese, Marcelo Rebelo de Sousa, e del presidente dell’Assemblea nazionale del Portogallo, José Pedro. Aguiar-Branco, nonché rappresentanti dei paesi membri e delle organizzazioni internazionali, ricercatori, diplomatici e rappresentanti del settore privato.

Questa sessione, che si svolge in un contesto regionale segnato da sfide multidimensionali, affronta temi e questioni attuali attraverso raccomandazioni e risoluzioni sviluppate nel quadro delle commissioni permanenti specializzate dell’APM, in particolare sulle questioni relative all’immigrazione, alla sicurezza, al terrorismo e alla tratta di esseri umani , transizione economica, industriale ed energetica, cambiamento climatico, digitalizzazione e intelligenza artificiale

Intervenendo in questa occasione, Mayara si è concentrato sulle sfide “esistenziali” che il mondo deve affrontare oggi, sottolineando che la comunità internazionale “è diventata più frammentata e divisa di quanto non sia mai stata negli ultimi 75 anni”.

In questo contesto si è soffermato sulla situazione attuale nella regione del Mediterraneo, rilevando che decine di migliaia di civili hanno perso la vita negli ultimi otto mesi in Medio Oriente e altri nell’Europa dell’Est, oltre alle vittime naturali disastri in Marocco, Italia, Libia, Emirati Arabi Uniti, Turchia, tra gli altri.

E da notare che è in questo senso che il Premio del Parlamento Mediterraneo 2024 è dedicato a persone e organizzazioni che mobilitano e forniscono assistenza umanitaria durante disastri naturali o “causati dall’uomo”, accogliendo con favore l’impegno crescente dei paesi della regione per assistere i civili. popolazioni in situazioni di guerra e disastri naturali in tutto il mondo.

Il signor Mayara è accompagnato a questo evento da una delegazione della Camera dei Consiglieri, tra cui Abdelkader El Kihel, del gruppo Istiqlalien per l’Unità e l’Egualitarismo, Moulay Driss Al Alaoui Al Hassani e Fadoua Mohsen Al Hayani del gruppo Haraki, Mohamed Hewit, del gruppo RNI, nonché il segretario generale della Camera, EL Assad Zerouali, il direttore delle relazioni esterne e della comunicazione, Saad Ghazi.

La partecipazione della delegazione marocchina a questa sessione fa parte del rafforzamento dell’azione continua della Camera dei Consiglieri in seno all’APM e del consolidamento della sua presenza nei forum parlamentari regionali e internazionali al servizio degli interessi supremi del Regno. È anche un’occasione per evidenziare le posizioni del Regno sulle questioni regionali e internazionali sotto la guida saggia e lungimirante di Sua Maestà il Re Mohammed VI.

Questa partecipazione è un esempio dell’interesse mostrato dal Regno nella regione del Mediterraneo, sotto la guida di Sua Maestà il Re Mohammed VI, nel rafforzare il dialogo e la comprensione tra i paesi del Mediterraneo e nel rafforzare i ponti di cooperazione con i paesi del Golfo di pace, stabilità, coesistenza, sviluppo e prosperità dei popoli delle due regioni.

L’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo è un’organizzazione internazionale che riunisce 34 parlamenti membri delle regioni euromediterranee e del Golfo per discutere le sfide comuni più urgenti. Oltre a promuovere la diplomazia parlamentare attiva a livello regionale e internazionale, l’APM mira a stimolare la cooperazione politica, economica e sociale tra gli Stati membri al fine di trovare soluzioni comuni alle sfide che la regione euromediterranea e i paesi del Golfo si trovano ad affrontare e a creare una piattaforma per il dialogo, la convivenza, lo sviluppo, la pace e la prosperità per le persone.

-

PREV La Cina mette alla prova la sua capacità militare per “prendere il potere” sull’isola
NEXT La RN “non siederà più” con l’AfD al Parlamento europeo dopo i commenti sulle SS