Morti per overdose in calo negli Stati Uniti, la prima volta dal 2018 – 15/05/2024 alle 19:02

Morti per overdose in calo negli Stati Uniti, la prima volta dal 2018 – 15/05/2024 alle 19:02
Morti per overdose in calo negli Stati Uniti, la prima volta dal 2018 – 15/05/2024 alle 19:02
-

Scatole di Narcan, uno spray nasale che utilizza una molecola chiamata naloxone, per rianimare le vittime di overdose da oppioidi (GETTY IMAGES NORD AMERICA / SPENCER PLATT)

Il numero di decessi per overdose è diminuito nel 2023 negli Stati Uniti, per la prima volta dal 2018, hanno annunciato mercoledì le autorità sanitarie americane.

Lo scorso anno nel Paese sono stati registrati circa 107.000 decessi per overdose, rispetto agli oltre 111.000 del 2022, un calo del 3%, secondo i dati provvisori.

Il principale colpevole della crisi di overdose che ha colpito gli Stati Uniti è attualmente il fentanil, un oppioide sintetico estremamente potente e che crea dipendenza.

Secondo i dati dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), il numero di decessi correlati al fentanil è sceso da oltre 76.000 nel 2022 a poco meno di 75.000 l’anno scorso.

“Molti fattori probabilmente giocano un ruolo” in questo declino, ha commentato per l’AFP Joseph Friedman, ricercatore specializzato in questo argomento presso l’Università della UCLA in California. In particolare, ha stimato, “l’intensificazione dei trattamenti contro la dipendenza” e “un maggiore accesso al naloxone”, un antidoto che permette di rianimare una vittima di overdose da oppioidi.

Un’altra spiegazione potrebbe essere che “la diffusione del fentanil” abbia ormai “esaurito tutti i nuovi posti in cui stabilirsi”, ha stimato.

Tuttavia, secondo i dati del CDC, i decessi per overdose da cocaina o stimolanti come la metanfetamina sono aumentati.

Si notano anche forti disparità regionali: se negli stati di Nebraska, Kansas e Maine è stato osservato un calo dei decessi pari o superiore al 15%, negli stati di Washington, Alaska e Oregon è stato invece registrato un aumento di almeno il 27%. , tutti situati nell’ovest del Paese, riferiscono le autorità.

“Anche se l’apparente stabilizzazione del numero dei decessi rispetto agli aumenti passati è incoraggiante, non vi è alcuna indicazione che i fattori strutturali fondamentali di questa crisi siano cambiati in modo significativo”, ha avvertito Joseph Friedman.

“Sono necessari sforzi continui per incoraggiare le persone esposte al fentanil a stabilizzarsi con oppioidi più sicuri, come il metadone o la buprenorfina”, che possono essere ottenuti su prescrizione, ha affermato.

Nella primavera del 2023, la United States Medicines Agency (FDA) ha autorizzato per la prima volta la vendita senza prescrizione medica del naloxone, sotto forma di spray nasale noto con il marchio Narcan.

-

PREV William e Harry: questa grande discussione che lascia pochissime speranze di riconciliazione
NEXT una partenza esplosiva, segui la gara