I giurati del processo Trump hanno un posto in prima fila davanti alla storia. La maggior parte delle volte

I giurati del processo Trump hanno un posto in prima fila davanti alla storia. La maggior parte delle volte
I giurati del processo Trump hanno un posto in prima fila davanti alla storia. La maggior parte delle volte
-

Un ordine di silenzio. Il presidente della Camera si presenta fuori dall’aula. Denunce rabbiose del giudice supervisionare il caso.

Alcuni dei momenti più esplosivi di Il processo segreto a Donald Trump si è svolto davanti agli occhi di gran parte del mondo, fatta eccezione per le persone che stanno effettivamente decidendo il suo destino: la giuria.

Alla giuria di 12 persone vengono mostrate prove e testimonianze in modo che possano decidere se l’ex presidente è colpevole di un piano per comprare e seppellire storie squallide nel tentativo di influenzare illegalmente le elezioni presidenziali del 2016. Ma è un’esperienza altamente curata; i giurati non riescono ad avere il quadro completo visto da coloro che li seguono ogni giorno.

Non vedono nemmeno Trump entrare o uscire dall’aula. È già lì quando vengono portati nella stanza e rimane finché non vengono congedati.

Questo è previsto dalla progettazione. Le leggi regolano attentamente il modo in cui viene trattato un procedimento penale per garantire che la decisione di una giuria sulla colpevolezza o l’innocenza non sia influenzata da litigi sulle prove o da altre discussioni legali. È prassi trattenere una giuria mentre gli avvocati del processo discutono con il giudice su ciò che può e non può essere incluso affinché i giurati possano vedere durante il processo. E gli avvocati spesso si riuniscono silenziosamente al banco del giudice per parlare di argomenti delicati, fuori dalla loro portata d’orecchio.

Anche i giurati accettano una serie di regole quando vengono scelti per un processo. Non possono indagare sul caso. Devono evitare ogni notizia a riguardo. Concordano inoltre di non discutere il caso fuori dal tribunale e di non parlarne tra di loro fino alla deliberazione, quando tutte le prove saranno state presentate e si deciderà se l’imputato debba essere condannato. Se infrangono una qualsiasi di queste regole, potrebbero essere espulsi dal collegio e sostituiti con un giurato alternativo, oppure potrebbe essere dichiarato un errore giudiziario.

Quindi, se stanno prendendo sul serio il loro dovere civico, la giuria di Trump non ha mai sentito il candidato repubblicano alle presidenziali criticare il giudice Juan M. Merchan definendolo “totalmente conflittuale”. Non sanno che Trump lo ha fatto stato minacciato di prigione e multato di 10.000 dollari per aver violato un ordine di silenzio che gli impedisce di parlare dei testimoni del caso, compreso il testimone principale dell’accusa, Michael Cohen. Non hanno guardato i live streaming di Cohen su TikTok. Non hanno visto il presidente della Camera Mike Johnson terrà una conferenza stampa fuori dal tribunale questa settimana, usando la sua potente posizione per mostrare che il suo partito si rivolta contro il sistema giudiziario dichiarando illegittimo il processo penale di Manhattan.

E non sono consapevoli delle ore di dispute legali su ciò che i testimoni possono essere chiamati a testimoniare e cosa possono dire quando vengono chiamati.

Trump si è dichiarato non colpevole di 34 capi di imputazione per falsificazione di documenti aziendali e nega qualsiasi incontro sessuale avvenuto. Gli avvocati di Trump, ad esempio, la settimana scorsa ha chiesto al giudice di dichiarare un errore giudiziario sulla testimonianza di un testimone cruciale, Stormy Daniels, che ha parlato con dettagli sconcertanti per i giurati sul presunto incontro sessuale con Trump che ha portato al pagamento del silenzio poche settimane prima delle elezioni presidenziali del 2016. I giurati hanno visto Daniels sul banco dei testimoni per 7,5 ore oltre due giorni.

Il pannello è tornato a casa presto il giorno in cui Daniels ha terminato i test. E poi gli avvocati di Trump hanno sostenuto con il giudice che il caso avrebbe dovuto essere archiviato a causa della sua testimonianza. Hanno contestato la testimonianza di Daniels che descrive una dinamica di potere tra lei e Trump e la reazione viscerale che ha avuto quando ha detto di aver visto Trump seduto sul letto della sua suite d’albergo nudo in boxer e maglietta.

“È così pregiudizievole e così incredibile da sentire per una giuria”, ha sostenuto l’avvocato di Trump Todd Blanche. Ha incolpato i pubblici ministeri per aver posto domande che hanno suscitato dettagli intimi del presunto incontro.

Il giudice Merchan ha rifiutato di archiviare il caso.

Gli avvocati di Trump volevano anche modificare un ordine di silenzio che gli impedisce di parlare di testimoni nel caso. “Ha bisogno di un’opportunità per rispondere al popolo americano”, ha sostenuto Blanche.

Anche il giudice Merchan ha negato tale richiesta. E martedì una corte d’appello ha confermato l’ordine di silenzio; scoprendo che Trump non sosteneva che le restrizioni violassero il suo diritto a un giusto processo. Stava sostenendo che il divieto di parlare del caso potrebbe avere un impatto negativo sulla sua campagna presidenziale del 2024.

Ma anche gli avvocati di Trump ne hanno vinto alcuni. Merchan ha detto no alla richiesta dei pubblici ministeri di interpretare i giurati in un’intervista alla CNN del 1999 in cui Trump discuteva della sua familiarità con le leggi sul finanziamento della campagna elettorale. E poco prima che la corte si chiudesse venerdì scorso, Merchan ha detto ai pubblici ministeri che avrebbero dovuto farlo informare Cohen “che il giudice gli sta chiedendo di astenersi dal rilasciare ulteriori dichiarazioni” fuori dal tribunale sul caso o su Trump.

Anche le azioni più di routine vengono decise al di fuori degli occhi attenti della giuria. Il giudice e gli avvocati parlano di programmazione e giorni liberi, compreso questo venerdì, quando il candidato repubblicano alla presidenza parteciperà al diploma di scuola superiore di suo figlio Barron. E hanno parlato di potenziali testimoni imminenti.

Merchan ha chiesto all’avvocato difensore di Trump Blanche se il suo cliente avrebbe testimoniato. Blanche ha detto: “No”.

“Ancora nessuna decisione?” Merchan ha chiarito, secondo una trascrizione. “No”, ha detto Blanche.

Ancor prima che la giuria si fosse insediata, Merchan ha emesso una litania di sentenze su ciò che avrebbe potuto essere portato in tribunale, incluso il fatto che i pubblici ministeri avrebbero potuto chiedere informazioni sul famigerato nastro “Access Hollywood” in cui Trump parlava di sequestro dei genitali delle donne senza il loro permesso, ma non potevano riprodurre il nastro stesso. Ha stabilito rigide regole di base per la prevista testimonianza di esperti della difesa sulla legge sul finanziamento delle campagne elettorali. E ha negato tre richieste degli avvocati di Trump di ritardare il processo.

Una volta presentate tutte le prove ed entrambe le parti riposano, il giudice istruirà la giuria su come avviare le deliberazioni. Solo dopo la conclusione formale del processo vengono liberati dalle regole, il che significa che possono leggere, guardare o ascoltare quello che vogliono. E, per la prima volta da quando hanno prestato giuramento, possono parlare di un processo che nessun altro americano ha mai sperimentato: giudicare un ex presidente sotto processo per un crimine.

Fino ad allora, Merchan ricorderà loro ogni giorno: “per favore, non parlate né tra di voi né con nessun altro di qualsiasi cosa relativa al caso”.

E il giudice dice: “Per favore, continuate a mantenere la mente aperta”.

___

Gli scrittori dell’Associated Press Jennifer Peltz, Michael R. Sisak, Jake Offenhartz e Alanna Durkin Richer hanno contribuito a questo rapporto.

-

PREV Scatta Fr-Alert: esercitazioni “Rapid Flood” giovedì 30 maggio e 6 giugno 2024 – MAGGIO – 2024 – Area Stampa – Notizie
NEXT segui in diretta la partita del primo turno del Roland Garros 2024