Joe Biden e Donald Trump inizieranno i dibattiti a giugno e settembre

Joe Biden e Donald Trump inizieranno i dibattiti a giugno e settembre
Joe Biden e Donald Trump inizieranno i dibattiti a giugno e settembre
-

Il presidente Joe Biden discuterà con il suo rivale repubblicano Donald Trump il 27 giugno e di nuovo a settembre, in una rottura con la tradizione che vedrà i due candidati presidenziali affrontarsi in televisione ma senza pubblico dal vivo.

Mercoledì la CNN ha dichiarato che ospiterà il dibattito elettorale in prima serata di giugno nei suoi studi di Atlanta, in Georgia. Si prevede che la ABC ospiterà il secondo dibattito tra i due uomini il 10 settembre.

L’intervento della CNN è arrivato poche ore dopo che la campagna del presidente degli Stati Uniti ha proposto di saltare i dibattiti sugli annunci precedentemente organizzati quest’autunno e di tenere invece due precedenti dibattiti televisivi.

Gli annunci arrivano meno di sei mesi prima delle elezioni presidenziali di novembre, e dopo settimane di avanti e indietro tra i candidati su quando e se si sarebbero confrontati sul palco.

In una lettera inviata alla Commissione sui dibattiti presidenziali, il presidente della campagna di Biden, Jen O’Malley Dillon, ha affermato che il presidente democratico non parteciperà ai dibattiti precedentemente organizzati dalla commissione apartitica per settembre e ottobre.

La campagna di Biden ha invece proposto due dibattiti alternativi, gestiti da testate giornalistiche, da tenersi a fine giugno, dopo il vertice dei leader del G7 e la probabile conclusione del processo penale “hush money” di Trump a New York, e a settembre, prima del voto anticipato. inizia prima del giorno delle elezioni, il 5 novembre.

In un breve video pubblicato sulla piattaforma di social media X Biden ha dichiarato: “Adesso [Trump] si comporta come se volesse discutere di nuovo con me. Beh, rallegrami la giornata, amico. Lo farò anche due volte.”

Trump ha risposto di essere aperto all’accordo, affermando in un post sulla sua piattaforma Truth Social di essere “pronto e disposto” a discutere con Biden a giugno e settembre, ma ha detto che voleva che fosse presente un pubblico dal vivo.

“Consiglierei caldamente più di due dibattiti e, per motivi di eccitazione, una sede molto grande, anche se Biden presumibilmente ha paura della folla”, ha aggiunto Trump. “Dimmi solo quando, sarò lì. ‘Prepariamoci a Rumble!!!’”

Biden ha poi dichiarato su X di aver accettato gli inviti della CNN e della ABC per i dibattiti di giugno e settembre. Anche Trump ha accettato gli inviti.

Mercoledì, in una nota, i consiglieri senior della campagna di Trump, Chris LaCivita e Susie Wiles, hanno chiesto un dibattito presidenziale al mese, affermando che “dovrebbero esserci più di due sole opportunità per il popolo americano di ascoltare di più dai candidati stessi”.

LaCivita e Wiles hanno suggerito di aggiungere i dibattiti presidenziali a luglio e agosto oltre agli incontri di giugno e settembre.

“Date aggiuntive consentiranno agli elettori di avere la massima visibilità sui precedenti e sulle visioni future di ciascun candidato”, hanno affermato.

La campagna di Biden non ha risposto immediatamente alla proposta del team di Trump.

La campagna di Biden ha anche proposto un dibattito alla vicepresidenza da tenersi a fine luglio, dopo la Convention nazionale repubblicana. Trump non ha ancora selezionato un candidato alla corsa per la sua ultima candidatura alla Casa Bianca.

Le proposte per la campagna di Biden arrivano dopo una campagna di pressione da parte di Trump e dei suoi alleati affinché il presidente si impegni in un dibattito dal vivo tra i due contendenti alla Casa Bianca.

Le proposte segnano anche una rottura con le convenzioni. La Commissione sui dibattiti presidenziali ha sponsorizzato e prodotto dibattiti presidenziali e vicepresidenziali statunitensi per più di tre decenni.

Mercoledì, nella sua lettera alla commissione, O’Malley Dillon ha contestato la tattica dell’organizzazione, sostenendo che i dibattiti precedentemente pianificati non si sarebbero conclusi fino a quando la votazione anticipata fosse già in corso. Negli ultimi anni il voto anticipato è diventato sempre più popolare negli Stati Uniti.

La campagna di Biden ha anche accusato la commissione di “costruire enormi spettacoli con un vasto pubblico” di “sostenitori e donatori chiassosi o dirompenti”.

La squadra di Biden ha invece proposto che i dibattiti di giugno e settembre si svolgano in uno studio televisivo “con solo candidati e moderatori”. La campagna ha anche accusato la commissione di essere “incapace o riluttante a far rispettare le regole nei dibattiti del 2020”.

-

PREV l’esercito israeliano ha recuperato i corpi di tre ostaggi, tra cui quello di Orion Hernandez, cittadino franco-messicano
NEXT Il giorno dopo il dibattito con Jordan Bardella, Gabriel Attal giudica che “le maschere sono cadute”