i bambini rubati dell’Ucraina” è stato incoronato miglior reportage del Grand Prix Stratégies

i bambini rubati dell’Ucraina” è stato incoronato miglior reportage del Grand Prix Stratégies
i bambini rubati dell’Ucraina” è stato incoronato miglior reportage del Grand Prix Stratégies
-

BFMTV è orgogliosa di vincere due riconoscimenti al Gran Premio delle strategie di innovazione dei media 2024. Il leader dei canali di notizie vince il premio d’oro nella categoria “miglior reportage” con il documentario Ligne Rouge Russia: bambini rapiti dall’Ucraina e il premio di Bronzo nella categoria “miglior programma” con Il forum BFMTV.

Da otto anni, il Gran Premio Strategie di Innovazione dei Media premia la capacità dei media di innovarsi e rinnovarsi sia in termini di creatività e diversità di contenuti e formati, sia nella loro offerta di gestione, nella loro strategia di diffusione, diversificazione e comunicazione dispositivi.

Russia: bambini rapiti dall’Ucraina vince il Grand Prix Strategies for Media Innovation nella categoria “miglior report”.

Questo documento eccezionale e commovente mette in luce la sorte dei bambini ucraini inviati in territorio russo per l’adozione. “Un crimine di guerra” denunciano le autorità di Kiev. “Un salvataggio” rispondono i russi. Il rapporto principale è disponibile in riproduzione sulla piattaforma RMC BFM Play. È firmato dai giornalisti Philomène Remy, Quentin Baulier, Simon Terrassier, Sofia Kochmar Tymoshenko e Alexandra Dalsbaek.

Nella categoria “miglior programma” del Gran Premio Media Innovation Strategies, l’incontro Il forum BFMTV è stato classificato bronzo.

Il Forum BFMTV è un programma televisivo unico che permette ai francesi di confrontare le loro opinioni sui principali temi di attualità. Una nuova forma di dibattito che dà la parola ai cittadini per scambiarsi in diretta. Disponibile in replica sul sito del canale.

-

PREV CAC 40: la Borsa di Parigi in verde, davanti agli attesissimi dati sull’inflazione americana
NEXT LIVE – Europei, ecologia, agricoltori: segui il dibattito tra Gabriel Attal e Jordan Bardella