Mobilità dolce: il Premio Infrastruttura Ciclistica premia la Città di Losanna

Mobilità dolce: il Premio Infrastruttura Ciclistica premia la Città di Losanna
Mobilità dolce: il Premio Infrastruttura Ciclistica premia la Città di Losanna
-
La Città di Losanna è stata premiata dalla Pro Vélo per aver creato 7,5 km di “coronapisti”, qui in rue St-Martin (archivio).

ATS

Losanna ha vinto il premio Vélo Infrastructure 2024 per le sue misure di promozione della bicicletta avviate durante la pandemia di Covid-19. Anche la Svizzera romanda ha ottenuto tre premi di riconoscimento assegnati a Friburgo, Gland e Vully-les-Lacs (VD).

All’inizio della pandemia, il Comune di Losanna ha creato, in appena cinque mesi, ben 7,5 km di piste ciclabili temporanee attraverso 26 misure eccezionali con l’approvazione del Cantone, sottolinea mercoledì Pro Velo in un comunicato stampa. Nella maggior parte dei casi lo spazio necessario è stato liberato a scapito dei parcheggi e dei cambi di direzione.

“Con i suoi coronapisti, Losanna è l’esempio perfetto di una buona attuazione della legge sulle piste ciclabili”, osserva Delphine Klopfenstein, presidente della giuria e vicepresidente di Pro Velo Suisse, citata in un comunicato stampa. Il premio, che rientra nella categoria «Sviluppo», ammonta a 5’000 franchi.

Anche la Svizzera romanda vince tre dei quattro premi di riconoscimento. A partire dalla città di Gland e dai suoi sviluppi ferrovia + bicicletta, come l’attraversamento ciclabile “comodo, pratico e sicuro” dei binari ferroviari, i parcheggi coperti per le biciclette, nonché le misure per ridurre il traffico stradale (pista ciclabile e una zona multimodale ).

Premiata anche la nuova passerella ciclabile che attraversa la Broye a Salavaux, “risultato di una proficua collaborazione tra il comune di Vully-les-Lacs e il cantone di Vaud”. Insieme hanno investito 2,6 milioni di franchi nelle infrastrutture.

Comedone rimosso

Nell’elenco figura anche la città di Friburgo. Boulevard de Pérolles, che collega la stazione al campus universitario, è da anni il punto nero della rete ciclabile urbana. Sette posti auto sono stati rimossi e sostituiti da una pista ciclabile “tanto attesa”.

Grazie ad una “comunicazione innovativa”, questa misura ha portato immediatamente ad un aumento del 20% del traffico ciclistico, si rallegra la giuria.

Un quarto premio è stato assegnato attraverso Sarine: vince la strada da Töss a Winterthur (ZH), la prima delle sei piste ciclabili veloci che la Città intende realizzare. Per la giuria, oltre all’eliminazione dei parcheggi e al cambiamento delle regole di priorità, l’idea di un’impronta simbolica nello spazio pubblico materializzata da segnali rossi lungo tutto il percorso è “particolarmente giudiziosa”.

Al di là degli interventi infrastrutturali assegnati ogni quattro anni, Pro Velo premia per la prima volta la qualità dell’informazione al pubblico. Il premio principale, anch’esso del valore di 5’000 franchi, è stato assegnato alla piattaforma online Velobserver.

no, ats

-

PREV Murder at the Speakeasy: la gigantesca festa del delitto al Team Break La Défense
NEXT dovresti andare a vedere il one-woman show di Nora Hamzawi?