“Ho imparato a conviverci”

“Ho imparato a conviverci”
“Ho imparato a conviverci”
-

Martedì 14 maggio è iniziata la 77esima edizione del Festival di Cannes. Il nuovo film di Quentin Dupieux, Il secondo atto, presentato fuori concorso, è stato trasmesso lì in apertura. In quest’ultimo, Léa Seydoux interpreta Florence, perdutamente innamorata di David (interpretato da Louis Garrel), che cerca di presentare il giovane a suo padre, interpretato da Vincent Lindon. David, che non condivide i sentimenti di Florence, fa di tutto per gettarla tra le braccia del suo amico Willy, interpretato da Raphaël Quenard. Un mic-mac annunciato dalla sinossi, come ci si aspetta dal regista di Gomma E Mandibole. Vincent Lindon ha incontrato i nostri colleghi di Figaro e ha accettato di rispondere alle loro domande sui suoi tic.

È la mia stampella.” : Vincent Lindon confida senza complessi i suoi tic

Mentre il direttore di Secondo atto incluso i – noti – tic di Vincent Lindon nella sceneggiatura del suo film, l’attore 64enne ha spiegato ai nostri colleghi che non aveva alcun problema al riguardo: “Non mi interessa. Ho detto venticinque volte nelle interviste che ho i tic. Se qualcuno mi suggerisce di rimuovere i tic in un minuto, non sono d’accordo. Sono io. Questa è la mia stampellaUn attaccamento ai suoi tic che, nonostante avesse confidato a Thierry Ardisson durante un’intervista in occasione dell’uscita del film Ci sono giorni…e lune – di Claude Lelouch, uscito nel 1990 -: “Quando giro, dal momento in cui diciamo motore, non ne ho uno“. Una professionalità che Vincent Lindon aveva tuttavia confidato di non provocare: “Non lo faccio apposta, è automatico“.

Il resto sotto questo annuncio

Vincent Lindon ripercorre l’origine dei suoi tic

Non avendo complessi in materia, Vincent Lindon ha parlato in più occasioni dei suoi tic e del suo nervosismo. “I tic sono per la vita. Ho imparato a convivere“, ha spiegato ancora una volta ai colleghi di Figaro. “E con le persone intorno a me. All’inizio, a scuola, la gente mi prendeva in giro. Poi c’è stata la fase, non sgradevole, intorno agli anni venti: ‘Ehi, è diverso dagli altri’. E ancora dopo: “È ancora affascinante.” Poi : “Sai una cosa, Vincent, non li vedo nemmeno più”. Quelli che mi incontrano molto, ma anche gli altri, visto che sono nel paesaggio da un po’“, ha concluso l’ex marito di Sandrine Kiberlain. La coppia separata, che ha dato alla luce l’attrice Suzanne Lindon nell’aprile del 2000, si è trovata recentemente davanti alla telecamera, per le riprese diUn altro mondo.

-

PREV Guadagna terreno l’ambasciatore “non ufficiale” di Taiwan a Parigi
NEXT Picchiato da Usyk, Fury ritiene che la guerra in Ucraina abbia avuto un ruolo nella decisione dei giudici