scanner, ecografia, oncologia… Questo centro ospedaliero per animali è all’avanguardia della tecnologia

scanner, ecografia, oncologia… Questo centro ospedaliero per animali è all’avanguardia della tecnologia
scanner, ecografia, oncologia… Questo centro ospedaliero per animali è all’avanguardia della tecnologia
-

È un ospedale unico nel suo genere in Isère: il centro ospedaliero veterinario Vaulx-Milieu ha appena aperto le sue porte. In questa struttura sanitaria interamente dedicata agli animali, lo staff accoglie gatti, cani e nuovi animali da compagnia (NAC) per cure mediche di alto livello.

Laboratorio di analisi, imaging medicale, oftalmologia, servizi di oncologia, sala operatoria per tutti i tipi di interventi chirurgici… A Vaulx-Milieu (Isère), il nuovissimo centro ospedaliero veterinario garantisce 24 ore su 24, 7 giorni su 7, la cura degli animali domestici. In Francia esistono solo tredici strutture di questo tipo.

“Un centro ospedaliero veterinario è una struttura che risponde a specifiche ben preciseindica Anne-Laure Frelon, medico veterinario. Esistono criteri per attrezzature, locali, personale e competenze. È necessario che all’interno della struttura lavorino almeno due tipologie di specialisti qualificati europei. Qui ne abbiamo quattro.”

Tra questi, il dottor Thibaut Cachon, specializzato in chirurgia veterinaria. “Un veterinario impiega dai 6 ai 7 anni per ottenere il diploma di veterinario generale. Successivamente ci specializzeremo su un animale: cani, cavalli, ruminanti… E poi, in una specialità: chirurgia, medicina interna, oncologia, diagnostica per immagini, convalidata da un diploma europeo.”

Oltre al chirurgo, nel centro lavorano una cinquantina di persone, compreso 22 veterinari, medici d’urgenza, medici di medicina generale e specialisti europei,ausiliari della salute animale e un team amministrativo. Una struttura a servizio completo, che permette ai proprietari e ai loro animali di trarre vantaggioUN “percorso assistenziale completo” e un “monitoraggio dell’animale molto più soddisfacente”dice Thibaut Cachon.

>>

Mango, 8 anni, soffre di un tumore al lobo polmonare.

© Dominique Semet – France Télévisions

Tra i pazienti della giornata, Mango. La cagnolina, di 8 anni, soffre di un tumore al lobo polmonare. La sua diagnosi è stata trasmessa alle équipe del centro veterinario per determinare la migliore terapia da seguire. “Il vantaggio di essere in un centro ospedaliero è quello di poter avere tutto il percorso di cura dell’animale, giustifica il veterinario-chirurgo. Du diagnosi mediante esami aggiuntivi, d“Ottenere opinioni da diverse specialità: oncologia, imaging, chirurgia.”

Assistenza fornita utilizzando tecnologie all’avanguardia. “Si tratta di macchine utilizzate nella medicina umana e in alcuni ospedalispiega Anne-Laure Frelon, veterinaria. IL i programmi sono adattati per poter creare immagini di cani e gatti, poiché non hanno le stesse dimensioni di un uomo.”

Questi servizi hanno un costo. Étoile, quasi 15 anni, soffre di una malattia cardiaca comune nei cani piccoli e anziani. La sua proprietaria, Aline Brisseau, ha pagato 200 euro per far fare un’ecografia al suo animale. “J’adore ma chienne, je l’ai prise à la SPA de Brignais en 2012, je tiens beaucoup à elle. C’est comme si c’était mon enfant donc dès qu’elle est malade je la soigne, peu importe le prezzo.”

>
>

Nel centro lavorano una cinquantina di persone, di cui 23 veterinari.

© Dominique Semet – France Télévisions

Secondo uno studio della Federazione dei produttori di alimenti per cani, gatti, uccelli e altri animali domestici (FACCO), una famiglia francese su due ospita un animale domestico. Nel 2022 la Francia avrà 74 milioni di animali domestici. In cima alla classifica ci sono i pesci, seguiti da gatti, uccelli e cani. Un dato da mettere in prospettiva con quello degli abbandoni: lo stesso anno, la SPA ne prende in carico 44 199 delanimali, per 41 186 adozioni.

-

PREV Sciopero del 25 maggio: verso una giornata nera per l’Istruzione Nazionale?
NEXT Guarda l’accattivante cover di Zaho de Sagazan di “Modern Love” di David Bowie alla cerimonia di apertura del Festival di Cannes