È morto all’età di 92 anni il premio Nobel per la letteratura nel 2013

È morto all’età di 92 anni il premio Nobel per la letteratura nel 2013
È morto all’età di 92 anni il premio Nobel per la letteratura nel 2013
-
>>>>

L’autrice canadese Alice Munro a Dublino nel giugno 2009. PETER MUHLY/AFP

A cura di Le Nouvel Obs con AFP

pubblicato su 14 maggio 2024 alle 18:37Aggiornato 14 maggio 2024 alle 19:30

È morta all’età di 92 anni la scrittrice canadese Alice Munro, specialista in racconti e insignita del Premio Nobel per la letteratura nel 2013, diversi media hanno annunciato martedì 14 maggio.

Affetta da demenza da oltre un decennio, è morta lunedì sera in una casa di riposo dell’Ontario, ha riferito il quotidiano canadese anglofono “The Globe and Mail”.

La scrittrice divenne famosa per i suoi racconti ancorati alla vita delle campagne dell’Ontario, nel Canada centrale, che le erano valsi il paragone con l’autrice russa del XIX secolo.e secolo Anton Cechov.

Leggi anche

Alice Munro, la “santa letteraria” che visse ritirata dal mondo

Accesso libero

Leggi più tardi

Nonostante il successo e un’impressionante messe di premi letterari raccolti in più di quattro decenni di carriera, l’autrice è rimasta discreta, come i suoi personaggi, soprattutto donne, di cui i suoi testi non mettono mai in risalto la bellezza fisica. Un’eco, forse, delle influenze puritane che hanno segnato la sua infanzia.

Il suo primo racconto, “The Dimensions of a Shadow” fu pubblicato nel 1950, mentre era studentessa all’Università dell’Ontario Occidentale. Ha ricevuto il premio del Governatore Generale del Canada per la sua prima raccolta di racconti, “Dance of the Happy Shades”, pubblicata nel 1968.

Pluripremiato, in Canada e all’estero

Alice Munro ha ricevuto numerosi altri premi in Canada e all’estero, mentre i suoi racconti – spesso ancorati alla vita semplice della contea di Huron, in Ontario – sono apparsi su riviste prestigiose, tra cui “The New Yorker” e “The Atlantic Monthly”.

I suoi soggetti e il suo stile, contraddistinto dalla presenza di un narratore che spiega il senso degli avvenimenti, gli sono valsi il riconoscimento di “il nostro Cechov” della letterata americana di origine russa Cynthia Ozick. Uno dei suoi racconti, “Lontano da lei”, è stato adattato per il grande schermo nel 2006 e ha ottenuto due nomination agli Oscar.

Leggi anche

Critico Avanti tutti! Le bellissime eroine fuggitive di Alice Munro

Accesso libero

Leggi più tardi

Nel 2009, ha ricevuto il prestigioso Man Booker International Prize prima di rivelare di aver sconfitto il cancro, una malattia che colpì una delle sue eroine, in un racconto pubblicato nel febbraio 2008 su “The New Yorker”.

“Alice Munro è meglio conosciuta come scrittrice di racconti, ma apporta a ogni storia la stessa profondità, saggezza e precisione che la maggior parte dei romanzieri apporta a tutto il loro lavoro.ha poi giustificato la giuria nell’assegnargli questo premio. Leggere Alice Munro significa imparare qualcosa a cui non avevi pensato prima. »

A cura di Le Nouvel Obs con AFP

Argomenti associati all’articolo

-

PREV questo è ciò che contiene il piano sociale della Migros
NEXT Mentre i server sono chiusi, questi tre giocatori rimangono su questi leggendari giochi Wii U e si rifiutano di andarsene!