Cosa fare a Rennes questo fine settimana dal 17 al 19 maggio 2024?

Cosa fare a Rennes questo fine settimana dal 17 al 19 maggio 2024?
Cosa fare a Rennes questo fine settimana dal 17 al 19 maggio 2024?
-

Uscire a Rennes venerdì 17 maggio

Workshop – Laboratorio “Parliamo inglese”.

Parla e scambia in inglese sulla base di temi scelti insieme, per conversazioni amichevoli e semplici.

Workshop – Workshop “Incontro digitale”.

Aiutatevi a vicenda a iniziare nel digitale, a comprendere i social network, a scoprire le risorse digitali della biblioteca, a scaricare un’applicazione.

Workshop – Workshop “Ven a charlar espanol con nosotros”

Vieni a condividere con noi in spagnolo, per divertirti, imparare, trasmettere e praticare insieme.

Workshop – Workshop “Wir sprechen deutsch”

Sei curioso, parli tedesco, questo incontro è aperto a tutti

L’agenda del tempo libero

Festival, mostre, visite, convegni,…

Uscire a Rennes sabato 18 maggio

Laboratorio “Arte in libertà”.

Esplora e gioca con colori, materiali e forme per condividere i tuoi suggerimenti creativi.

Laboratorio “Scrabble inglese”.

Parlare inglese mentre giochi a Scrabble

Mostra: “La pelle, una materia sulla superficie della pelle”

La pelle non entra solo nei nostri armadi, permea la nostra quotidianità, le nostre culture e l’immaginario collettivo, costituendo una parte importante della nostra storia. Nelle 5 tappe che ne scandiscono il percorso, questa mostra permette di vedere, ascoltare, annusare, toccare la materia e scoprire il know-how associato ma anche di sentire e rivivere un’epoca, una città e una storia poco conosciute.

Mostra “Il Sogno di una Notte Senza Sogni”

Prima mostra personale di Ali Cherri, artista libanese residente a Parigi. Presenta una nuova opera video intitolata The Watchman (2023) nonché una serie di sculture e disegni originali, prodotti appositamente per la mostra, che si riferiscono agli elementi simbolici e ai personaggi del film, nonché al paesaggio geografico e alla cultura di Cipro…

Uscita a Rennes domenica 19 maggio

Mostra “Questa canzone è per… Vol.1”

Aperto a tutti. Opera immersiva e interattiva, versione sonora di una precedente installazione video intitolata “This song is for…” e per la quale Gabrielle Goliath ha vinto il premio Standard Bank Young Artist nel 2019. L’artista rivisita la forma del canto di dedica, in collaborazione con un gruppo di donne vittime di stupro e un ensemble musicale.

Progetto espositivo in Bretagna

L’associazione Atipies lancia un progetto di mostra fotografica in tutta la Bretagna. Cerchiamo talenti tra persone con disabilità per la nostra mostra “HanDIfenn, le singolarità sono esposte”. Talenti in divenire o traguardi più confermati: danza, musica, pittura, disegno, sport, arte di strada… Ogni talento conta! Per ottenere maggiori informazioni contattare via email o sul sito dell’associazione.

Mostra: “L’albero, dal piccolo seme al vecchio ramo”

Questo essere vivente nasce, cresce, si riproduce, muore e vive in interazione con gli esseri viventi che condividono il suo habitat. Multimedia, giochi sensoriali, manipolazioni, aiutano a riscoprire l’albero e le sue ricchezze e ad interrogarsi sulla biologia dell’albero, sulle proprietà del legno, sulla sua biodiversità nonché sulla sua convivenza con l’uomo. Tutto pubblico dai 6 anni. Orari fuori dalle vacanze scolastiche zona B.

Mostra “Tour à tour” di Valérian Henry

La mostra propone lavori che mettono in discussione la nozione di scala, il rapporto con il corpo e trova la sua origine nelle illustrazioni sull’architettura del quartiere Colombier. Dal disegno alla scultura, Valérian Henry crea un inventario del paesaggio urbano, moltiplicando le forme architettoniche per creare un alfabeto minimalista e giocoso. Questa mostra è accessibile alle persone con mobilità ridotta. Inaugurazione giovedì 21 marzo, ore 18:30.

Desideri annunciare gratuitamente un evento su Le Télégramme? Clicca qui sottoInvia un evento

-

PREV tornando su Philippe-Chatrier, Nadal vince un set di allenamento
NEXT NASA ed ESA uniscono le forze per far atterrare il rover europeo su Marte