Manchester City verso il titolo

Manchester City verso il titolo
Descriptive text here
-

Il Manchester City ha approfittato dell’ultimo incontro in casa del Tottenham (2-0) martedì per riconquistare il comando in Premier League a spese dell’Arsenal prima dell’ultima giornata, e sfiorare il sogno del quarto titolo consecutivo, una serie mai vista prima. prodotto in Inghilterra.

I “Citizens” non hanno padroneggiato tutto, a volte sono mancati di tono e precisione, ma sono andati a conquistare una vittoria d’oro in uno stadio del Tottenham Hotspur dove non avevano mai vinto, e nemmeno segnato, in campionato dall’inaugurazione nel 2019.

La liberazione è arrivata da una doppietta di Erling Haaland (51esimo, 90esimo+1), autore ormai di 27 gol in 30 partite di Premier League giocate in questa stagione, un ritmo ancora infernale per il suo secondo anno in Inghilterra.

Il gigante norvegese ha prima preso un servizio da Kevin De Bruyne, il suo passante seriale preferito (51esimo, 1-0), prima di segnare un rigore (90esimo+1) ottenuto da Jérémy Doku.

Cinque minuti prima, però, i Mancunien sono stati colti da una grande emozione quando Heung-min Son è venuto a sfidare Stefan Ortega. Ma il portiere tedesco, entrato prima al posto dell’infortunato Ederson, ha effettuato una parata superba come un portiere di pallamano (86esimo).

Ospiti pubblici
Il Manchester City (1°, 88 punti) dovrà ancora finire il lavoro domenica (17) contro il West Ham all’Etihad per impedire all’Arsenal (2°, 86 punti), allo stesso tempo ospite dell’Everton, di vincere il suo primo titolo dal 2004.

I “Gunners” speravano in un aiuto da parte del Tottenham, storico rivale del nord di Londra, ma questo non è arrivato, nonostante la volontà degli “Spurs”.

Il portiere Guglielmo Vicario ha ritardato la scadenza con questo tiro al volo di sinistro di Phil Foden (16°), respinto con il braccio destro, o questo tiro fondamentale di Kevin De Bruyne (47°), respinto con difficoltà.

Ma il successore di Hugo Lloris ha finito per cedere al maestro degli assist, De Bruyne, e al capoclassificatore, Haaland, che così è diventato il primo “Citizen” a segnare in Premier League al Tottenham Hotspur Stadium.

Ai tifosi degli Spurs la cosa non è piaciuta, ma ne hanno approfittato per fare una battuta al loro nemico dell’Emirates, a sette chilometri di distanza: “Stai guardando, Arsenal?” (Stai guardando, Arsenal).

Aston Villa in C1
Per il Tottenham (5°, 63 punti), la battuta d’arresto casalinga seppellisce la speranza di giocare in Champions League la prossima stagione.

L’ultimo biglietto andrà all’Aston Villa (4°, 68 punti), tornato nell’élite continentale a più di 40 anni dalla sua ultima apparizione (Coppa dei Campioni 1982-1983).

La squadra di Ange Postecoglou, brillante a inizio stagione, irregolare poi, dovrà accontentarsi dell’Europa League.

L’Arsenal sta vivendo una fantastica seconda metà di stagione, con una difesa ferrea e un attacco focoso, ma potrebbe vivere una seconda delusione consecutiva, dopo essere stato superato l’anno scorso nel finale.

L’esito sarebbe probabilmente ancora più crudele con il ribaltone subito martedì, a cinque giorni dalla 38esima ed ultima giornata di campionato.

Ma anche la macchina del Manchester City correva a pieno ritmo mentre si avvicinava il traguardo, sua specialità di anno in anno. L’armata di Pep Guardiola non perde da 22 partite in Premier League dall’ultima, all’inizio di dicembre contro l’Aston Villa.

-

PREV Nazionale 3. Il programma della ventiseiesima giornata
NEXT 🗞️La Quotidienne: giornata pazzesca in Europa, piovono notizie shock!